C’è una nuova persona da intubare. L’ennesima. I medici anestesisti si scambiano una rapida occhiata: il reparto di terapia intensiva è al limite. Quando il quadro clinico è grave, i pazienti vengono intubati direttamente in ambulanza; altre volte, come questa, avviene un crollo quando sono in ospedale. E allora l’operazione va fatta lì. Servono azioni precise, attente, che solo rianimatori e infermieri specializzati possono compiere. Il paziente, come sempre più spesso accade col Covid-19, viene girato a pancia in giù per facilitare la respirazione. Poi, sulla macchina che funge da polmone artificiale, vengono calibrati atti respiratori, pressione di insufflazione e la quantità d’aria e ossigeno (il cosiddetto volume corrente).

All’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo gli operatori sanitari stanno combattendo il coronavirus da settimane. Qui arrivano i pazienti più gravi della provincia maggiormente colpita dal nuovo virus (fino a ieri sera i positivi erano 2.864). Ma la terapia intensiva, nonostante i posti siano stati ampliati al massimo, è satura. Delle 76 postazioni (12 sono di terapia sub-intensiva) non ne resta una libera. I medici stanno usando tutte le armi che hanno a disposizione, compresi i farmaci sperimentali. Compreso il farmaco contro l’artrite, il Tocilizumab. Il problema, però, è che la risposta varia da malato a malato. E, di fatto, il sistema rischia di non reggere. “Nessun farmaco adottato ci ha fatto dire: ‘Ecco, questa è la svolta’. Sin qui abbiamo ricavato solo impressioni. Qualcuno guarisce, qualcun altro no. La verità è che siamo al collasso”, racconta una fonte qualificata dell’ospedale. Un concetto già espresso, in maniera differente, dall’assessore al Welfare della Regione, Giulio Gallera: “È da una settimana che arriviamo a fine serata con soli 15 posti liberi in Lombardia“. Non è un caso che a Bergamo, da giorni, sia pazienti positivi sia pazienti negativi vengano portati nel Lazio, in Friuli-Venezia Giulia e in Veneto.

Al momento i provvedimenti assunti dal governo non hanno dato risultati concreti. Gli effetti dell’isolamento si vedranno tra 10-14 giorni. Ed è quest’arco temporale che spaventa chi lavora tutti i giorni in prima linea coi malati. Rianimatori e anestesisti, oltre agli sforzi enormi che stanno mettendo in campo da fine febbraio, non sanno che fare. Per questo la richiesta – e la speranza – è che Regione ed esecutivo trovino un’intesa per la creazione di strutture ad hoc sul modello degli ospedali, poi dismessi, di Wuhan. A quel punto servirebbero nuovi medici e infermieri. “Li recluteremo da Venezuela, Cuba e Cina“, ha annunciato Gallera per far fronte alla carenza, in Italia, di quelle figure professionali. Al Papa Giovanni XXIII, intanto, sono stati assunti specializzandi del quarto e del quinto anno, che ora seguono i turni dei colleghi più “esperti”. Il problema, però, resta: perché per lavorare in terapia intensiva non ci si può improvvisare da un giorno all’altro.

Tra i 44 infermieri e i 12 medici della Rianimazione, al di là dello stress per i turni massacranti (un riposo ogni due settimane, se va bene, uno al mese, se va male) è subentrata un po’ di paura. Tra i positivi al Covid-19, infatti, ci sono diversi colleghi. E la notizia della morte dell’operatore del 118, 47enne senza patologie, li ha scossi. “Le ore che passiamo qui dentro non le contiamo più, è saltato tutto. Siamo stremati, ma continueremo finché riusciremo. Ai cittadini diciamo di aiutarci: restate a casa e rispettate le regole”.

Twitter: @albmarzocchi

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, dalla consegna a domicilio di spesa e farmaci al pagamento delle bollette: un Comune in Brianza aiuta così gli anziani soli

next
Articolo Successivo

Coronavirus, sindaco Agropoli: “Nessun contagio, ma state a casa”. Poi esce, sfila per strada e si ferma abbracciando i cittadini

next