In Cina l’emergenza coronavirus è tornata sotto controllo. Lo confermano i dati che vengono da Wuhan, capoluogo della provincia dell’Hubei e focolaio della pandemia. Sono solo quattro i nuovi casi di infezioni registrati venerdì. Sembrano dunque aver funzionato le misure drastiche prese dalle autorità cinesi, che hanno sigillato l’intera provincia a partire dal 23 gennaio. Sono stati fermati i collegamenti stradali, ferroviari e aerei ed è stata bloccata totalmente l’economia. Infine, è stato imposto l’obbligo assoluto di restare a casa e di misurarsi la febbre ogni volta che si entra o si esce.

Secondo gli aggiornamenti forniti dalla Commissione sanitaria nazionale cinese, i dati di Wuhan danno evidenza del livello più basso di contagi da quando da gennaio è iniziata la raccolta dei dati. Per la prima volta, inoltre, i casi importati di infezione hanno superato quelli locali: sugli 11 complessivi di ieri, oltre ai quattro di Wuhan, gli altri sette sono “contagi di ritorno”, di cui quattro a Shanghai, due nel Gansu e uno a Pechino.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Francia e Spagna ora imitano le misure dell’Italia: Parigi chiude bar e ristoranti, Madrid vieta spostamenti. Premier Sanchez: “Serve disciplina sociale”. Scuole Usa chiuse per 21 milioni di studenti

next