Con il decreto della Presidenza del Consiglio e la direttiva diffusa domenica sera dal Ministero dell’Interno si attiva ufficialmente il monitoraggio degli spostamenti da e per la Lombardia e altre 14 province (Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli,Padova, Treviso e Venezia), oltre che quelli tra queste zone, rinominate “aree a contenimento rafforzato”. Ogni movimento deve essere giustificato, si legge, “da esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute da attestare tramite autocertificazione“.

Chiunque abiti in queste aree e intenda o abbia necessità di muoversi dovrà quindi munirsi di un documento in cui giustifica questa sua azione, salvo nei casi di positività al coronavirus, a cui è impedito qualsiasi spostamento, nel caso dovesse essere fermato dalle forze dell’ordine che hanno predisposto posti di blocco lungo le principali vie di comunicazione. Il modulo per l’autocertificazione (disponibile qui) è stato diffuso e messo a disposizione dal dipartimento di Pubblica Sicurezza del Viminale: al cittadino si chiede di indicare la tratta che ha necessità di percorrere e i motivi dello spostamento, con il foglio che dovrà essere controfirmato dall’operatore di polizia in caso di controllo.

“I controlli sul rispetto delle limitazioni della mobilità – spiega la direttiva firmata dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese – avverranno lungo le linee di comunicazione e le grandi infrastrutture del sistema dei trasporti. Per quanto riguarda la rete autostradale e la viabilità principale, la polizia stradale procederà ad effettuare i controlli acquisendo le prescritte autodichiarazioni. Analoghi servizi saranno svolti lungo la viabilità ordinaria anche dall’Arma dei Carabinieri e dalle polizie municipali”.

L’autocertificazione è però necessaria anche nel caso in cui ci si sposti nelle aree indicate usando il treno: “La Polizia ferroviaria curerà, con la collaborazione del personale delle Ferrovie dello Stato, delle autorità sanitarie e della Protezione civile, la canalizzazione dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni – continua il testo – Inoltre saranno attuati controlli sui viaggiatori acquisendo le autodichiarazioni”.

Per chi si muove attraverso gli aeroporti delle zone a contenimento rafforzato, infine, i passeggeri in partenza saranno sottoposti al controllo, oltre che del possesso del titolo di viaggio, anche dell’autocertificazione. Controlli simili verranno effettuati nei voli in arrivo, esclusi i passeggeri in transito.

Chiunque violi le nuove disposizioni rischia fino a tre mesi di carcere o una multa di 206 euro.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, rivolta al carcere di San Vittore: fumo e grida dall’interno del penitenziario. Detenuti salgono sul tetto

next
Articolo Successivo

Case popolari, la Consulta: “È irragionevole dare alloggio solo ai residenti da 5 anni”

next