“Nessuno deve colpevolizzare nessuno per le scelte che fa”. È questo l’appello lanciato da Debora Villa a Vieni da Me. L’attrice comica è stata ospite della trasmissione di Rai1 e a Caterina Balivo ha raccontato un episodio molto personale del suo passato, quando appena maggiorenne rimase incinta e decise di abortire. “Ero innamoratissima di questo ragazzo – ha raccontato Debora Villa – ma mi trattava molto male, era uno stupidotto, avevo 18 anni, mi umiliava tantissimo, si comportava male e sentivo che questa cosa era colpa mia, poi quando lui è andato militare la lontananza ha fatto sì che prendessi le distanze e questo mi ha fatto diventare più lucida perché questo tipo di rapporti creano dipendenza. Insomma pensi di essere tu quella sbagliata, e continui in una storia facendo solo peggio”.

Quando la relazione sembrava ormai essere al capolinea, ha ceduto a un ultimo incontro: “Lui questa cosa che volevo lasciarlo non l’ha digerita. Ha voluto farlo l’ultima volta, non volevo, stavo male, stavamo entrambi male. Quella volta però sono rimasta in incinta”. Per lei è iniziato un momento molto doloroso di rifiuto della gravidanza, dove il suo corpo “dimagriva a vista d’occhio” e “rifiutava” la situazione, tanto da spingerla a decidere di abortire: “Non voglio che la gente giudichi le persone che prendono questa strada. Il primo istinto è di protezione e tu devi andare contro questa cosa perché sai che tutto il contesto è sbagliato, non è il momento. Per te, per la persona che potrebbe diventare genitore a sua volta. È stata una cosa bruttissima, allucinante e dolorosa. Ho avuto complicazioni, un piccolo calvario“, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Berlusconi e Pascale non sono più una coppia: su un settimanale le foto del leader di Forza Italia con la deputata Marta Fascina

next
Articolo Successivo

Coronavirus, le frasi choc delle influencer. Chiara Biasi: “Nessuno che mi sta sul ca**o muore”. E Chiara Nasti: “Fate finta che l’ho preso anch’io”

next