Michelangelo Tommaso, l’attore celebre per interpretare il personaggio di Filippo Sartori nella soap di Rai 3 Un Posto al Sole, è stato ospite di Vieni da Me e a Caterina Balivo ha parlato del suo amore con Samanta Piccinetti, conosciuta proprio sul set e diventata poi sua moglie. “Ho incontrato Samantha in un periodo in cui non cercavo l’amore. Nel 2007 ho avuto una profonda crisi personale. Non mi sentivo all’altezza, mi sentivo a disagio con me stesso e ho dovuto fare i conti con i miei lati complicati. Ho avuto anche attacchi di panico e di ansia molto forti”, ha raccontato Michelangelo Tommaso. Poi a sorpresa è entrata in studio la moglie Samanta e insieme hanno annunciato di aspettare il loro secondo figlio: “Sono al sesto mese e aspetto un’altra femmina”, ha detto l’attrice. I due hanno già una bambina di 4 anni.

Poi ha Tommasso ha rivelato di essere stato vittima di un furto d’identità per le truffe amorose. “Ho avuto notizia di quello che stava succedendo durante l’estate dello scorso anno quando mi scrisse una ragazza tedesca che mi disse che c’era un ragazzo si spacciava per me chiedendole dei soldi – ha spiegato Tommaso -. Poi a dicembre dell’anno scorso mi ha scritto un’altra donna tedesca chiedendomi dove fossi e che era distrutta. Mi disse che aveva una relazione virtuale con me da un mese e che mi aveva mandato anche dei soldi”, spiega l’attore che ha preferito non svelare la cifra. “Hanno creato un profilo con il numero accanto in cui dicevano che ero in crisi con mia moglie, che ero vedova per adescare le fans. Ho denunciato tutto, ora prenderò un telefono nuovo e spero che tutto finisca”, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, Heather Parisi attacca di nuovo Lorella Cuccarini: “Chiunque legittima le parole di Zaia sui cinesi è in malafede”

next
Articolo Successivo

Vittorio Cecchi Gori, gli appelli del mondo dello spettacolo perché non vada in carcere. Da Pupi Avati a Giuseppe Tornatore, in tanti si ‘schierano’ con lui

next