“Questo governo sta andando a tro… a trojan, sta andando a quel paese”. È l’uscita, che voleva essere una battuta, del deputato della Lega, Eugenio Zoffili, nel suo intervento alla Camera poco prima del voto al decreto legge sulle intercettazioni. Il presidente di turno, Ettore Rosato, lo ha subito richiamato. “Ma era una battuta, non ho offeso nessuno” ha provato a difendersi Zoffili. “È poco interessante”, ha replicato Rosato, “e qui conta la mia opinione. Vada avanti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, il gesto di Fontana è finto e pericoloso: oggi le immagini contano più delle parole

next
Articolo Successivo

Manovra, per la Consulta inammissibili i ricorsi del centrodestra su compressione dei tempi: “Non c’è stata nessuna violazione”

next