Ghali, ospite da Daria Bignardi a “L’assedio”, ha detto la sua sul rapporto con i media e alcune interviste uscite, durante la promozione del suo album “DNA”. In particolare il riferimento è ad alcune frasi che ha rilasciato a “Il Messaggero”, in cui ha raccontato un aneddoto del suo rapporto con Fedez. Durante l’intervista al quotidiano si fa riferimento ad una frase di uno dei suoi brani: “Ricordo quando mi dicevano non farai mai nulla e resterai per sempre nel buio in un angolo”. L’artista allora ha raccontato un aneddoto: “Fu proprio Fedez a dirmi quelle cose, quando eravamo in tour insieme. Io mi esibivo insieme al mio primo gruppo, i Troupe d’Elite, ma il successo tardava ad arrivare e venivamo costantemente attaccati. Fedez mi diceva: Guarda quali sono i riscontri. Cosa potresti mai fare? Quale potrebbe essere il tuo messaggio? Cosa potresti raccontare agli italiani? Fatti odiare”. Per poi chiudere: “Non ci sono rapporti. Ogni tanto prova ad avvicinarsi, ma io cerco di evitarlo. Forse ho sbagliato, perché nessuno sa quanto tempo e quanta dedizione ci sia dietro un disco. Se la prossima volta farà un disco brutto, eviterò di commentarlo”.

Successivamente in alcune stories su Instagram Ghali si è sfogato contro il sensazionalismo dei media, concetto poi ribadito a “L’assedio”: “Succede sempre e succede a tutti, ultimamente ho il coraggio di sfogarmi non sento più la paura di una volta è da anni, da ‘Cara Italia’, che mi strumentalizzano – ha affermato -. Dopo cinque, sei, sette, dieci interviste che escono con le tue frasi storpiate, declinate una virgola cambia il messaggio, cambia il tono. È impossibile che tu ti siedi con un artista per un’ora e la cosa più ‘catchy’ (“orecchiabile”, ndr) che trovi sia una polemica. Non è bello metterla come titolo, stiamo parlando di un disco di music: è uscito fuori un discorso, ti ho raccontato un aneddoto, basta non puoi farci un titolo incorniciarlo e metterlo su. Crei delle polemiche e magari non hai intenzione di farle”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nespresso, sfruttamento di bambini nelle piantagioni di caffè. George Clooney prende le distanze

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la bufala sugli animali domestici sbugiardata a Chi l’ha Visto: “Liberatevene, salvatevi”

next