“In Italia c’è un elevatissimo livello di screening sanitario, ma i sanitari non sono stati in grado di riconoscere i sintomi del virus”. Il commissario per l’emergenza coronavirus Angelo Borrelli ha fatto il punto sui motivi della rapida diffusione del coronavirus in conferenza stampa a Roma. Non una “colpa” dei medici, piuttosto una oggettiva “difficoltà” ad individuare i sintomi della nuova polmonite Covid-19, quasi del tutto sovrapponibili alla comune influenza stagionale. Fino ad oggi, ha aggiunto Borrelli “sono stati effettuati oltre 3mila tamponi“.

“Ci sono state situazioni in cui non si è stati in grado di riconoscere immediatamente i sintomi del virus, ma non è un problema di quantità di test – ha spiegato il Capo della Protezione civile – tutti i possibili casi sono stati verificati con prove di laboratorio”. Il punto, ha sottolineato, è che “non siamo riusciti ad individuare il paziente zero e quindi è difficile formulare previsioni sulla diffusione”. Fino ad ora l’origine del contagio nei due focolai, in Veneto e nel Lodigiano, è un rebus. Perciò, ha spiegato Borrelli “l’unica misura concreta da adottare è stata quella di chiudere i territori”. Isolata l’aerea di Vò Euganeo, nel padovano e dieci comuni nel lodigiano: scuole chiuse in tutta la Lombardia, in Veneto e in Piemonte. Se sarà deciso di allargare i comuni in isolamento, Borrelli ha spiegato, che “rientra nell’ambito di una valutazione, in accordo con le Regioni, del Comitato tecnico scientifico”.

Pier Luigi Lopalco, professore di Igiene all’Università di Pisa, spiega il numero dei casi con una circolazione attiva già da un mese: “È presumibile che il nuovo coronavirus SarsCoV2 abbia cominciato a circolare in Italia verso la fine di gennaio, quando ancora l’allerta non era al massimo ed i voli non erano bloccati: vari soggetti avranno preso l’infezione magari senza accorgersene. Dunque, quella che vediamo ora è già la terza generazione di casi”. Il numero di casi infatti, chiarisce il docente “raddoppierebbe circa ogni 7 giorni: questo spiegherebbe il numero attuale di casi in Italia”.

In conferenza stampa si è anche parlato delle misure messe in campo per la quarantena: per non gravare ulteriormente sulle strutture ospedaliere, e per evitare promiscuità tra i pazienti già ricoverati e i contagiati, si sta valutando di usare strutture militari e hotel.”Dalle Forze Armate abbiamo la disponibilità di migliaia di posti letto in tutta Italia. Solo dall’Esercito abbiamo dato 3412 posti letti in 1223 camere, dall’Aeronatica potrebbero esserci 1789 posti letto. Quindi abbiamo un quadro di strutture operative e alberghi, siamo pronti anche usare gli alberghi”, ha concluso. “Non abbiamo problemi di strutture per il ricovero e l’assistenza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, i nuovi numeri di emergenza da chiamare in Lombardia e Veneto

next
Articolo Successivo

Coronavirus: i dieci consigli del Ministero della Salute per evitare il contagio – La videoscheda

next