In Germania, a est di Berlino, si apre una foresta il cui destino in queste settimane sta mettendo in crisi sia il governo tedesco sia i piani “espansionistici” della Tesla di Elon Musk. Da un lato infatti c’è la salvaguardia ambientale, dall’altro quella del “green new deal” tedesco: che messe così, tutto sommato, dovrebbero essere la stessa faccia di una medaglia, ma non stavolta.

Perché la prima Gigafactory europea – il quarto stabilimento Tesla al mondo, dopo i due statunitensi e l’ultimo di Shanghai – dovrebbe sorgere a Gruenheide, a pochi chilometri dalla capitale tedesca, ma soprattutto con un piede (92 ettari) nella foresta: questa fa parte dei circa 300 ettari totali di area che il costruttore di Palo Alto ha acquistato nei mesi scorsi dallo Stato del Brandeburgo, per 41 milioni di euro. E il disboscamento dei 92 ettari di foresta rientrava nell’accordo, tanto che Musk aveva già messo “i suoi” all’opera, portando via in pochi giorni un’area pari a circa 150 campi da calcio.

Se non fosse che a mettere i bastoni fra le ruote sono intervenuti gli attivisti del gruppo ambientalista Lega Verde di Brandeburgo (Gruene Liga Brandendburg) che, accusando il costruttore di causare potenziali danni ambientali alla fauna locale e di un eccessivo consumo delle risorse idriche, sono riusciti a fermare temporaneamente gli abbattimenti degli alberi.

L’alto tribunale di Berlino-Brandeburgo, infatti, ha deciso di accogliere il ricorso della Lega Verde alla sentenza di una corte minore che aveva rigettato la richiesta di sospensione dei lavori sulla foresta mesi fa. A questo punto la sentenza definitiva sulla vicenda dovrebbe arrivare già entro i prossimi giorni.

Nel caso in cui il tribunale dovesse dare ragione a Musk, riprenderebbero quindi i lavori al primo stabilimento Tesla d’Europa, operativo – nei piani del ceo – già da metà del prossimo anno: un sito che potrebbe produrre fino a 500 mila unità (a zero emissioni) all’anno, assicurando 12 mila posti di lavoro. Un’occasione cui i cristiano-democratici e i liberali non accettano di rinunciare, accusando gli oppositori al piano di creare al Paese un danno d’immagine per futuri investimenti. Verrebbe proprio da dire, l’insostenibile costo della sostenibilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milleproroghe, emendamento abbassa la soglia di CO2 per l’ecobonus su auto green

next
Articolo Successivo

Porsche Taycan, debutto da incubo negli Usa. Prende fuoco e distrugge un garage – VIDEO

next