“Giovane stupida” è il secondo singolo estratto dalla raccolta della produzione ventennale “Cremonini 2C2C The Best Of”, dopo “Al Telefono”, in uscita il 28 febbraio. La copertina però raffigura l’artista pieno di scarabocchi in chiave ironica, lo abbiamo contattato e ci ha raccontato com’è nata l’idea e c’entra la fidanzata Martina…

“Ho regalato ‘Giovane Stupida’ a Martina per il suo 23esimo compleanno. – racconta Cesare – Eravamo in macchina. Avevo appena lanciato il nuovo tour del 2020, ero felice e sono andato a prenderla con un regalo e la canzone. È stato bello! Non se lo aspettava e ha sorriso per tutta la canzone. Capita mentre siamo in viaggio in auto che mi chieda di ascoltarla. Ce la cantiamo a ridiamo insieme delle frasi buffe di questo pezzo molto autobiografico. Quando è venuto il momento di decidere la cover del singolo mi sono scervellato per una settimana, ma poi ho visto uno scarabocchio di Martina sul tavolo della cucina e ho pensato che la cosa poteva essere divertente.

E poi conclude: “’Puoi vendicarti’ le ho detto, con il disco in mano e i pennarelli. Quella che ho scelto è stata l’unica prova che ha fatto, la prima. Mi è piaciuta subito perché oltre a rendere bene l’idea della giocosità della canzone e del nostro rapporto, sdrammatizza una copertina bellissima ma anche classica. In questa cover, grazie a Martina (ride, ndr), ci sono le mie due anime. Rispetto per il passato ma anche autoironia. Come la canzone. Non vedo l’ora di suonarla in tour!”.

E a proposito di tour, dopo i tre concerti estivi del 2018 negli stadi di Milano, Roma e Bologna, Cremonini tornerà negli stadi italiani con 7 concerti in cui ripercorrerà la sua carriera partita nel 1999, da “Squerez” album d’esordio da oltre un milione e mezzo di copie vendute. Il tour 2020 si chiuderà con un Live-evento il 18 luglio all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Achille Lauro conteso dalle major, alla fine la spunta Warner Music Italy, ma la Sony non ci sta: “È un nostro artista in esclusiva” e si crea un caso, ecco perché

next
Articolo Successivo

Luigi Di Maio ‘beccato’ di nuovo da Chi con Virginia Saba al parco. Effusioni e baci appassionati

next