Polemiche sulla manifestazione delle Sardine in piazza Santi Apostoli, a Roma. Ad accenderle è il viceministro allo Sviluppo economico, Stefano Buffagni, del Movimento 5 Stelle, che su Facebook scrive: “È il palco degli U2 o delle Sardine? Chi paga? Ieri il Movimento 5 Stelle, che governa il paese, che ha più di 300 parlamentari e 100 consiglieri regionali, era in piazza con un palco esiguo. Oggi nella stessa piazza ci saranno le Sardine con un palco costosissimo e una regia che nemmeno Bono degli U2. La domanda è: Chi paga? Chi hanno dietro? I Benetton?”. Ma Juri Antozzi, Sardina che ha curato la raccolta fondi per l’evento, risponde parlando di “strumentalizzazione” e spiegando che il tutto è costato 2.800 euro iva compresa, soldi raccolti col crowdfunding.

“Guardate voi stessi e fatevi un’idea – conclude Buffagni – Staremo a vedere la copertura mediatica che avranno”. Sotto la lente del viceministro è il palco mobile da 70 metri quadrati, oltre ai due schermi al plasma, il gruppo elettrogeno interno, le luci di ultima generazione a led e le dodici casse montati nella piazza romana. Organizzazione diversa rispetto al palco più piccolo con il quale si sono presentati due mesi fa a San Giovanni, quando la mancanza di amplificazione era stato uno dei tasti dolenti dell’organizzazione della manifestazione.

“È tutto trasparente – assicura all’Adnkronos Antonozzi -, verrà rendicontato tutto dopo l’evento, come è accaduto con le precedenti iniziative su Roma. I soldi sono quelli trovati attraverso la piattaforma di crowdfunding che al momento è arrivata a oltre 6mila euro. Siamo oltre le attese, ce ne aspettavamo 5mila. Le polemiche sui costi del palco sono una strumentalizzazione per cercare di sminuire l’evento e la nostra etica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Italia Viva provoca ancora: “O Conte si accorda con Renzi o deve dimettersi”. Bettini: “Servono alternative ai renziani”

next
Articolo Successivo

Sardine a Roma: “Siamo in 7mila. Le nostre piazze non sono riempite dai pullman”. E chiedono a Conte di abolire i decreti Sicurezza

next