Un Festival di Sanremo da record sia a livello di ascolti che personale. Amadeus è al settimo cielo, ma non vuole parlare di riscatto. “Non è una rivincita ma il tempo ha rimesso le cose al loro posto. Avevo detto che sarebbe stato un Festival anche femminile, e così è stato con le presenze sul palco delle 10 donne e i monologhi impegnati. Junior Cally meritava di stare in gara perché aveva una bella canzone, e lo ha dimostrato”, dice a Il Corriere della Sera.

E poi sfoglia l’album dei ricordi più belli: “Fiorello in ogni declinazione, e per l’ allegria contagiosa che mi ha portato; Benigni per il suo coraggio di portare all’Ariston Il Cantico dei Cantici ; le splendide reinterpretazioni di Tiziano Ferro di brani memorabili; la reunion dei Ricchi e Poveri”. Sulla fine della kermesse oltre le 2 di notte mette le mani avanti: “Volevo far fare bella figura al Festival: è stato un po’ come quando invitavo gli amici a casa e mia nonna continuava a cucinare per paura che non ci fosse abbastanza da mangiare”.

E su un Amadeus Bis? “Qualora accadesse mi metterò a pensare a un’idea altrettanto efficace artisticamente”. Infine una considerazione sul presidente Rai Marcello Foa: “Non l’ho più sentito già da prima che iniziasse il Festival ma l’ ho visto in sala e ho visto che la mia proposta artistica lo ha divertito”.

Poi arriva anche Fiorello che parla della sua esperienza al Festival: “Mi hanno chiesto tante volte di fare Sanremo e ho sempre detto di no. Quest’anno sono stato sul palco per quattro serate e non l’avrei fatto con nessun altro, se non con Amadeus. – afferma sempre a Il Corriere della Sera – In questo Festival ho dimostrato che il mestiere del presentatore non è il mio. Non avrei mai potuto fare per 5 ore quello che ha fatto Amadeus. Dicono che sono un battitore libero e mi ritrovo in questa definizione”.

È stato anche il Festival delle polemiche: “Sanremo è talmente pazzesco che riesce a trasformare chiunque in un Mostro. Prima di Amadeus lo aveva già fatto con Gianni Morandi, no dico Morandi… Lui ha saputo accettare le critiche perché si sentiva a posto con la coscienza e sapeva che fanno parte del gioco”. E poi chiude qualsiasi polemica con Tiziano Ferro: “Il mio bacio con Tiziano non era costruito, non era una gag: è stata una cosa spontanea e di sincero affetto”.

Lo aveva fatto capire in diretta e lo ribadisce, Achille Lauro era uno dei preferiti: “È un artista fantastico, ha riportato a Sanremo le performance che una volta erano di Anna Oxa, Patty Pravo, Renato Zero. È uno che sa trasformare la sua musica in show e sa inventarsi sempre qualcosa”. E sul Bis fa già sapere che: “Non ci sarò perché l’anno prossimo ho un appuntamento con il podologo in quel periodo”. Bisogna credergli?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Thailandia, 27 morti nella sparatoria davanti a un centro commerciale: ucciso l’assalitore. Premier: “Una strage senza precedenti”

next