Achille Lauro per la terza performance sul palco dell’Ariston ha interpretato la Marchesa Luisa Casati Stampa e i suo ingresso sul palco dell’Ariston è stato accompagnato dai fischi che si sono levati tra il pubblico. La nobildonna, figlia di ricchi commercianti di tessuti vissuta a cavallo tra ‘800 e ‘900, e’ stata musa ispiratrice dei piùgrandi artisti dell’epoca, tra i quali Filippo Tommaso Marinetti, Fortunato Depero, Giacomo Balla e Man Ray. Grande mecenate, e’ stata di una delle protagoniste della bell’epoque a Venezia, città che scelse come il proprio palcoscenico. Lauro sceglie la Marchesa Casati perché amante dell’arte al punto di diventare essa stessa un’opera. Insofferente a regole e convenzioni, di cui – appunto – si e’ sempre fregata. “E’ un personaggio iconico e mistico che mi ha colpito. Musa inarrivabile, eterea e decadente”.

Lauro ha interpretato questo personaggio istrionico ed eclettico con un look disegnato appositamente per lui ancora una volta da Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, che già aveva realizzato la famosa tutina in stile Giotto. In testa, uno scenografico copricapo di piume con inserti di cristalli. Sotto, un abito di chiffon nero completamente trasparente e dei collant tailor made, con motivo geometrico di cristalli neri. Poi, a sorpresa, Lauro ha estratto da uno speciale guanto un rossetto Gucci con cui si e’ truccato le labbra.

La figura della Marchesa Casati, con la sua vita controversa, è stata un personaggio di grande rottura e in anticipo sui tempi: performer prima della performing art. Si circondava di un’umanità complessa variegata, frequentando i massimi intellettuali dell’epoca ma anche la gente di strada, eccentrica al punto da diventare anch’essa un’icona. La direzione creativa di tutte le performance di Achille Lauro e’ seguita personalmente da Lauro con Nicolo Cerioni e la direzione del progetto è del manager Angelo Calculli.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2020, le pagelle della quarta serata: ecco quello che ci è piaciuto di più (ma non solo)

next
Articolo Successivo

Sanremo 2020, Bugo e Morgan e “l’epico sca**o”: ecco perché uno dei due deve godersi questo momento e “spiccare il volo”

next