“Non potendo controllare i flussi di cassa in entrata – dice Saletti a Peter Gomez – abbiamo dovuto far delle scelte, cioè ritardare il pagamento dell’Irpef. Mi hanno sempre assolto grazie al fatto che i processi avvenivano a Milano dove c’è una sezione che si occupa di reati economici. Tecnicamente mancava in me il dolo di non pagare, visto che i soldi stazionavano in qualche cassa di qulache amministrazione locale”. A parlare durante Sono le Venti, il programma di Peter Gomez in onda sul Nove, è Achille Saletti, presidente della comunità di recupero per tossicodipendenti Saman, di Milano, processato penalmente nove volte a causa dei soldi che lo stato doveva alla comunità. “I soldi c’erano ma per cause burocratiche non venivano pagati? Esatto. Con un’Asl del Sud per esempio abbiamo dovuto rivolgerci alla stampa amica. E alla sola vista della stampa che andava a chiedere il perché non fossimo stati pagati per 800 giorni (per un valore di 250mila euro), improvvisamente i soldi si sono materializzati”, spiega ancora Saletti a Gomez. “Abbiamo sempre rischiato di chiudere”, confessa poi, sottolineando che “dal punto di vista organizzativo c’è qualcosa da rivedere nel sistema pubblico”.

‘SONO LE VENTI’, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Debiti della pubblica amministrazione, dalle promesse di Renzi alla condanna della Corte di giustizia Ue. E anche oggi l’Italia paga le imprese troppo tardi

next
Articolo Successivo

Conti pubblici, Fmi: “Attuazione delle politiche fiscali migliore del previsto. Ridurre le tasse sul lavoro colpendo di più i ricchi”

next