Uscirà al cinema solo il prossimo 13 febbraio ma già sta facendo molto parlare di sé: “Gli anni più belli”, l’ultimo film di Gabriele Muccino è finito nel mirino delle critiche per la presenza di Emma Marrone nella nuova veste di attrice. La cantante è infatti la protagonista della pellicola, assieme a Claudio Santamaria, ed alcuni è bastato vederla nel trailer per attaccarla. Il regista ha deciso così di chiarire le cose in un lungo post su Instagram, in cui ha esaltato le sue qualità e ha spiegato i motivi che l’hanno spinto ad inserire nel cast Emma. Nonostante questo però, un utente ha commentato il suo post dicendo: “Comunque abbiamo una marea di attrici Muccino glielo volevo ricordare eh“. Allora Muccino le ha risposto perentorio: “Grazie per avermelo ricordato. Sa è il primo film che faccio...”

View this post on Instagram

Ho voluto Emma Marrone per il mio film perché il suo viso mi ha inizialmente attratto molto. Lo trovavo estremamente cinematografico. Poi, una volta che ci siamo incontrati, le ho chiesto se avrebbe voluto provare a fare un film come attrice. Ma le ho anche detto che non avrei potuto prenderla al buio, senza un provino che mi confermasse il suo talento. Lei ha risposto: sì, faccio tutto. Provino fatto, il talento di Emma è stato evidente dalla prima lettura. Sul set Emma si è trasformata nei panni di Anna interpretandola alla meraviglia. Ed è stata una bellissima gioia lavorare insieme. #repost @gliannipiubelli ・・・ Anna e Riccardo: i momenti felici di quel giorno d’estate. Dal 13 febbraio #GliAnniPiùBelli ti aspetta al cinema con #PierfrancescoFavino, #MicaelaRamazzotti, #KimRossiStuart, #ClaudioSantamaria, #EmmaMarrone. . . . . @pierfrancescofavino @micaelaramazzotti @claudio_santamaria @real_brown @nicolettaromanoff @alma_noce @_francescocentorame @andrea_pittorino @debuonomatteo @acquarolifrancesco @lotus_production @leonefilmgroup @01distribution #KimRossiStuart #MarianoRigillo #PaolaSotgiu #FabrizioNardi #13febbraio2020 #cinemaitaliano

A post shared by Gabriele Muccino (@gmuccino) on

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Nancy Brilli denuncia: “Noi lavoratori dello spettacolo non pagati”. Il Teatro Quirino di Roma replica: “Noi abbiamo pagato”

next