Stefano Bonaccini ha chiuso la campagna elettorale a Forlì, al PalaGalassi dove in platea sventolavano le bandiere di Pd, Italia viva, +Europa e delle liste che lo sostengono. In prima fila, tra gli altri Paola De Micheli, molto applaudita al suo arrivo, e l’ex governatore della Regione Vasco Errani. A scaldare la platea, prima del comizio del governatore, ci hanno pensato Mirko Casadei e soprattutto Alberto Bertoli, che tra un successo suo e quello del padre Pierangelo (‘A muso durò) ha intonato una versione di ‘Bella ciao che il pubblico ha cantato a squarciagola. A introdurre Bonaccini è stato il comico Gene Gnocchi, che prima aveva vestito, letteralmente, i suoi panni imitando un’intervista con la presentatrice della serata.

Dal palco Bonaccini ha parlato di Marzabotto, luogo simbolo della Resistenza partigiana, e ha poi ringraziato le Sardine per aver riempito le piazze. “E’ stata una bella campagna elettorale, con delle belle piazze. Un abbraccio alle Sardine, hanno dato una grande dimostrazione di come si fa”. In questi giorni, ha poi detto attaccando la Lega e il leader Matteo Salvini, “c’è stato chi è andato a squillare i citofoni e agitare paure: Salvini è il migliore a descrivere i problemi e il peggiore per risolverli, ma armare i cittadini è la resa dello Stato davanti ai delinquenti e non è la nostra idea di società. Cosa ha fatto Salvini per il Pilastro? Ha tolto i fondi quando era ministro, per la riqualificazione delle periferie, non ha pagato gli straordinari alle forze dell’ordine”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, Craxi grande statista? Lo pensa il 5%. Uno su 5 lo definisce corrotto. Per chi vota centrodestra è stato un “buon politico”

next
Articolo Successivo

Ferrara, le chat interne che svelano la guerra nella Lega: tra accuse di “poltronificio associato” e l’augurio “di perdere le regionali”

next