La Regina Elisabetta nel mondo viene vista come “l’immortale”, sempre lì, presente, coloratissima con i suoi abiti dalle sfumature pastello, ormai un’icona a 93 anni. Nessuno quindi potrebbe mai immaginare che dietro una donna così forte, possa celarsi anche qualche debolezza. Per questo motivo per alcune ore nel Regno Unito si sono vissuti attimi di panico. La sovrana, infatti, ha dovuto cancellare all’ultimo l’impegno al Sandringham Women’s Institute, dove l’attendevano per l’ora del tè.

Per tranquillizzare gli animi, e soprattutto la stampa, il portavoce della famiglia reale ha fatto sapere che si tratterebbe solo di una banale influenza. Anche il consorte Filippo, ormai ritiratosi dagli impegni pubblici, aveva destato preoccupazione quando è stato ricoverato a Natale all’ospedale di Londra per una “condizione preesistente”. Poi il principe 98enne è riuscito a raggiungere la moglie, dopo qualche controllo, nella dimora di Sandringham.

Un periodo certamente burrascoso per la sovrana, che ha gestito in maniera impeccabile la mina vagante del nipote Harry che con Meghan Markle ha deciso di ritirarsi dagli impegni reali, per vivere tra il Canada e Londra. Sia Harry che la nonna sono stati molto affettuosi nei rispettivi comunicati e tutto si è risolto nel migliore dei modi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Sanremo 2020, Ornella Vanoni: “Intorno al palco tante candele di Gwyneth Paltrow al profumo di vagina invece dei fiori”

next
Articolo Successivo

Giulia e Nicola, gli sposi ricevono 9mila euro in contanti per le nozze e non li versano il giorno dopo: multati per evasione

next