Cambio alla direzione dell’Huffington Post: dopo 7 anni e mezzo, Lucia Annunziata non sarà più la direttrice della versione italiana del sito di informazione fondato nel 2005 negli Stati Uniti da Arianna Huffington. Contestualmente, la giornalista dice addio anche al Gruppo l’Espresso. A rivelare la decisione è Prima comunicazione online, spiegando che Annunziata ha comunicato martedì sera la sua decisione al nuovo direttore generale Maurizio Scanavino e al direttore del personale Moro. Interpellata sui motivi della scelta, la giornalista si è limitata a rispondere a Prima: “Nuovo editore. Nuovo direttore”.

A inizio dicembre scorso il gruppo Gedi era passato dalle mani della famiglia De Benedetti a quelle degli Agnelli-Elkann che tramite la holding Exor hanno acquisito per 102,4 milioni di euro la quota di controllo di Gedi (il 43,78%). Il gruppo editoriale controlla tra le altre testate Repubblica, La Stampa e il genovese Secolo XIX.

Annunziata continuerà la sua trasmissione Mezz’ora in più per la Rai ed è entrata a far parte del comitato scientifico della Treccani per cui curerà la voce Giornalismo 2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Facebook, per il manager Clegg i social aiutano le imprese. Ma il suo discorso punta ad altro

next