Una studentessa di 14 anni, Giulia Salotti, è morta nella notte fra martedì e mercoledì in un incendio in casa. L’incidente è avvenuto intorno alle 2,30 in un edificio nel comune di Borgo a Mazzano, in provincia di Lucca. Il padre della ragazza è rimasto ustionato nel tentativo di salvarla dalle fiamme, ma non è in pericolo di vita. La madre della giovane, che viveva da qualche tempo in un’altra casa, si è diretta in auto sul posto dopo essere stata avvisata dell’accaduto, ma nel tragitto ha perso il controllo del mezzo e ha avuto un incidente stradale. La donna è stata soccorsa dal 118 e trasportata in codice giallo in ospedale. Le cause delle fiamme sono ancora ignote, ma i vigili del fuoco sono stati incaricati di predisporre una relazione tecnica per individuarle.

Il corpo della 14enne è stato trovato dai vigili del fuoco in camera da letto, al piano superiore della casa, mentre le fiamme sono partite dal pianterreno, secondo le prime ricostruzioni di pompieri e carabinieri. Il padre, un operaio di 48 anni, appena resosi conto del rogo ha chiamato i soccorsi e ha tentato di raggiungere la stanza della figlia, ma il fumo e il calore glielo hanno impedito. I carabinieri della stazione locale sono arrivati presto sul luogo ma l’incendio, che ha distrutto arredi e oggetti, impediva l’accesso alla stanza. Gli stessi vigili del fuoco sono riusciti a entrare nella casa solo usando autorespiratori e solo dopo oltre un’ora di lavoro hanno domato le fiamme. L’immobile è stato sequestrato dall’autorità giudiziaria ed è stata disposta l’autopsia sul corpo dell’adolescente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pantera avvistata a San Severo, continuano le ricerche: in campo carabinieri forestali, Asl e un drone. L’ipotesi: “Fuggita da villa del boss”

next
Articolo Successivo

Foggia, è caccia alla pantera: avvistata nelle campagne. Le immagini riprese da un contadino

next