Taylor Mega ha ricevuto il Tapiro d’Oro di Striscia la Notizia per essere stata “cacciata” in diretta da Barbara D’Urso nell’ultima puntata di Live Non è la D’Urso a causa di una sua vecchia foto in cui sembra fare il dito medio alle forze dell’ordine. Ma l’influencer, che già era sbottata su Instagram subito dopo la puntata, ha preso l’occasione per raccontare a Valerio Staffelli la sua verità su come sono andate le cose. “Mi ha dato fastidio perché era un bel po’ che dicevo che non ci volevo più andare e hanno trovato questa ca**ta della foto del dito medio – ha iniziato a spiegare Taylor Mega -. La foto, ci tengo a precisarlo, è vecchia di due anni e la signora D’Urso è un anno che mi invita nelle sue trasmissioni, dal dicembre 2018. Com’è che questa foto è stata tirata fuori solo ora? Nella foto io non sto facendo il dito medio alle forze dell’ordine, anzi ringrazio perché ci difendono sempre. Il dito medio era rivolto alla telecamera. Ieri non l’ho detto subito perché non mi ricordato. Ho 500 foto, posso ricordarmele tutte? Il dito lo faccio spesso nelle mie foto. In quel caso era rivolto agli hater. La sera prima della diretta avevo fatto una storia col dito medio”.

Poi l’influencer ha concluso ipotizzando un tranello ai suoi danni: “Non puoi dire che mi inviti in puntata per dire che mi sarei presa una pausa e poi mi metti dentro altri discorsi in cui io non posso non parlare e poi te ne esci con ‘Ah, allora sei hai fatto questa foto, non ti invito più’. Non so di chi è colpa, degli autori, della D’Urso, non lo so però qualcuno ha giocato in maniera sporca. Secondo me c’è stato un tranello nei miei confronti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili