“Non è bello guardare negli occhi le proprie figlie senza sapere cosa accadrà in futuro”. Mohamed vive a Sesto San Giovanni insieme alle sue due figlie e alla moglie. Ha sempre pagato l’affitto, ma nei prossimi mesi rischia di essere sfrattato. Per questo oggi l’Unione Inquilini Sesto San Giovanni ha organizzato un presidio davanti alla sua abitazione. “La sua famiglia avrebbe avuto diritto a una casa popolare nel 2012 – spiega il suo avvocato Gianluigi Montalto – ma poiché non c’erano alloggi disponibili, l’amministrazione precedente lo aveva collocato in una casa privata con una sublocazione”. Ma con il cambio di maggioranza nel 2017, la giunta di centrodestra ha scelto di anticipare la rescissione di quei contratti in sublocazione: “Non capiamo la logica se non quella di risparmiare qualche centinaia di euro, ma il risultato è che nei prossimi mesi si rischia una macelleria sociale con 22 famiglie e decine di bambini per strada” conclude l’avvocato poco prima dell’arrivo dell’ufficiale giudiziario. Per oggi lo sfratto è stato rinviato al 12 marzo: “È una buona notizia, ma il problema di fondo rimane – spiega Marco Di Guio dell’Unione Inquilini Sesto San Giovanni le famiglie devono essere sistemate in modo definitivo, ma per il momento l’amministrazione ha dimostrato volontà di sbattere famiglie in strada”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore