Approvata ma senza le parole “resistenza” e “antifascismo”. Il Comune di Nettuno, guidato dal sindaco di centrodestra Alessandro Coppola, ha deciso di dare il via libera alla “mozione Segre”, un documento che impegna il Comune contro il razzismo e l’antisemitismo, ricalcando la mozione proposta e voluta dalla senatrice a vita sopravvissuta ad Auschwitz, ma modificandola. Riferimenti, quelli alla lotta partigiana e al regime di Mussolini, che nel comune laziale ha ancora la cittadinanza onoraria, fondamentali per il consigliere dell’opposizione Roberto Alicandri che durante il consiglio comunale del 17 gennaio, è intervenuto esprimendo tutto il suo dissenso.

Nel suo intervento Alicandri è scoppiato a piangere, andando a toccare il cuore del problema: “No, non lo posso accettare…le vittime di tutti i totalitarismi sono uguali, sì, ma in Italia non possiamo dimenticare cosa ha fatto il fascismo”. Il consigliere ha poi ricordato l’impegno di suo nonno, viceprefetto di Roma durante la Seconda Guerra Mondiale: “Nascondeva centinaia di ebrei dentro le chiese, e quelli che non è riuscito a salvare li ha visti portare via. Come ha visto portare via gli omosessuali – ricorda commuovendosi – Come ha visto portare via i disabili, semplicemente perché erano diversi”. “Dimenticare questo vuol dire uccidere ancora una volta quelle persone, uccidere quelle famiglie che hanno visto tornare a casa magari un bambino o soltanto un padre senza un figlio. Ma come potete pensare veramente che si possa dire che i morti sono tutti uguali…non è così in questo Paese. Noi dobbiamo essere antifascisti”, continua Alicandri, annunciando il voto contrario alla mozione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez