Tre mesi fa, quando il governo Conte 2 era neonato, Beppe Sala aveva detto che Beppe Grillo ha “fatto una rivoluzione straordinaria e qualcuno al posto che sbeffeggiarlo dovrebbe imparare“. Nel frattempo il rapporto tra i due si è rafforzato. Secondo Repubblica, il fondatore e garante del Movimento 5 Stelle e il sindaco di Milano eletto con una coalizione di centrosinistra guidata dal Pd “si sentono spesso, perché hanno scoperto di stimarsi”. E ora Sala conferma: interpellato dai giornalisti spiega che in effetti c’è “un dialogo che nasce da una comunanza di visione su tanti temi“. E addirittura “una relazione amicale“.

“La cosa bella per me è che io non ho nulla da chiedere a lui e lui non ha nulla da chiedere a me”, ha spiegato l’ex manager di Expo, “e quindi è un dialogo tra due persone che si piacciono dal punto di vista di alcune idee e anche come relazione amicale. Tutto qui. Non ci sono percorsi definiti, ma è qualcosa che a me gratifica molto perché è uno scambio che trovo molto stimolante“.

Secondo Repubblica, i due “durante le ferie di Natale si sarebbero anche incontrati con le rispettive signore”, un appuntamento “conviviale” durante il quale però c’è stato anche spazio discutere di “buone pratiche politiche: welfare, difesa dell’ambiente, solidarismo”. I temi su cui, aveva avvertito, “bisogna dare risposte” ai cittadini per cui il Pd non può “sedersi sul fatto che è tornato al governo perché c’è poco da stare tranquilli. Non so se fra 24 mesi vedremo ancora questi partiti. Chi saprà interpretare questo bisogno e mettersi in condizioni di aver una offerta attrattiva non è detto che saranno il Pd o il Movimento 5 stelle”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardine, parla Sergio il ragazzo dislessico deriso da Salvini: “A causa delle minacce ricevute mi è stato consigliato di non lavorare più”

next
Articolo Successivo

Gregoretti, Zingaretti: “Casellati doveva garantire equidistanza: non l’ha fatto”. E attacca: “Salvini chiacchiera, noi cambiamo le cose”

next