“Ragazzi, vi posto questa mia foto in un’operazione svolta proprio in quel di Bologna dove tra sardine, centri sociali, tossici e popolazione poco collaborativa non è proprio una passeggiata di salute”. Il tweet ha iniziato a rimbalzare in Rete e ora la Digos di Bologna e la Polizia Postale hanno iniziato gli accertamenti per identificare il presunto agente e verificare l’autenticità del profilo – Claudio8013 – che ha postato la frase sprezzante.

Un profilo, attivo dal 2015, che è un fiorire di post in favore delle attività di polizia e della Lega e contro la sindaca di Roma, Virginia Raggi, il Pd e i comunisti. Nella foto che accompagna il testo si vede un uomo con indosso un jeans e maglioncino chiaro, armato di pistola e con un distintivo al collo.

All’apparenza lo scatto sarebbe stato realizzato in un ufficio della questura e si intravede anche l’autore della foto, riflesso nel vetro alle spalle del presunto poliziotto. Appena poche settimane fa, il capo della Polizia, Franco Gabrielli, aveva diramato una circolare nella quale invitava tutti gli agenti a fare un uso corretto dei social network.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pedemontana Veneta, “tecnici della Regione nella galleria un’ora prima del crollo che uccise un operaio”

next
Articolo Successivo

Catanzaro, piazza piena per la manifestazione pro Gratteri: “Non dobbiamo avere paura”. E lui manda messaggio: “Dimostrate sete di giustizia”

next