L’avvocato 42enne Robert Abela è stato eletto leader del Partito laburista maltese ed è diventato così automaticamente anche primo ministro di Malta, dopo le dimissioni di Joseph Muscat, accusato di interferenze nelle indagini sull’omicidio di Daphne Caruana Galizia, la giornalista investigativa uccisa a 53 anni in un attentato il 16 ottobre del 2017 a Bidnija, nel nord dell’Isola.

Figlio dell’ex presidente George e visto come outsider, incarnazione della continuità col suo predecessore, Abela è stato scelto dalla maggioranza dei 17.500 elettori laburisti – che hanno votato per la prima volta direttamente il loro leader – per la sua promessa di continuare “con le ricette vincenti” di Muscat. E’ stato preferito al chirurgo 52enne Chris Fearne, vicepremier uscente. Abela, attivista di lunga data del Partito laburista, è diventato membro del parlamento maltese solo durante le ultime elezioni legislative del 2017, convocate in anticipo da Muscat e vinte a mani basse dal suo partito nonostante un’ondata di scandali che hanno scosso il suo entourage. Abela subentra per soli due anni e mezzo in carica, fino al settembre 2022.

L’ex premier Muscat era stato costretto a dare le dimissioni dal suo incarico lo scorso primo dicembre quando sull’Isola erano scoppiate proteste di piazza e polemiche per il coinvolgimento di parte del suo esecutivo nello scandalo per l’assassinio di Caruana Galizia: nel mirino degli inquirenti sono finiti infatti il capo di gabinetto dell’esecutivo, Keith Schembri, e i ministri del turismo, Kondrad Mizzi, e dell’Economia, Chris Cardona, per i loro rapporti con il presunto mandante, l’imprenditore Fenech.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, forze del generale Haftar annunciano il cessate il fuoco: “Dure rappresaglie per chi non lo rispetterà”

next
Articolo Successivo

Boeing ucraino, chi erano i 176 passeggeri dell’aereo abbattuto da un missile iraniano: ingegneri, neosposi e famiglie

next