Centosettantasei persone morte per un “errore di comunicazione”. A bordo del Boeing 737 della Ukrainian Airlines precipitato l’8 gennaio poco dopo il decollo da Teheran c’erano molti iraniani emigrati per cercare un’opportunità all’estero: talenti accademici, coppie appena sposate, ingegneri. Tutti vittime dell’errore umano che ha portato gli operatori della contraerea iraniana a scambiare il velivolo per un cruise statunitense. A bordo, secondo funzionari ucraini, c’erano in tutto 82 iraniani, 63 canadesi, 11 ucraini, 10 svedesi, 4 afgani, 3 britannici e 3 tedeschi. Tutte di nazionalità ucraina le 9 vittime dell’equipaggio. E molti dei non iraniani erano in realtà cittadini provenienti dal Paese mediorientale e con passaporto straniero.

C’era anche la giovane Zeynab Asadi Lari, brillante studentessa del quarto anno di Scienze della Salute e promettente scienziata “fieramente competitiva con se stessa ma collaborativa con gli altri”, come la ricorda l’università di Toronto. Con lei è morto suo fratello Mohammad, studente di medicina. I due tornavano in Canada dalle vacanze in Iran come molti degli altri passeggeri.

Stavano rientrando a Montreal Siavash Ghafouri-Azar (35 anni) e sua moglie Sara Mamani (36 anni), entrambi ingegneri laureati alla Concordia University. Avrebbero dovuto inaugurare la loro nuova casa al ritorno dall’Iran, dove si erano appena sposati. Anche Arash Pourzarabi e Pouneh Gorji, informatici di 26 e 25 anni, si erano sposati il primo gennaio a Teheran: come Sara e Siavash stavano tornando a casa.

Tra le vittime ci sono anche dieci membri della comunità scientifica dell’Università dell’Alberta. Sterminata un’intera famiglia: Pedran Mousavi e sua moglie Mojgan Daneshmand, entrambi insegnanti alla facoltà di ingegneria, e le due figlie Daria e Dorina di 14 e 9 anni. All’università di Manitoba, Amir Shirzadi, studente di ingegneria biomedica, non riesce a credere a quello che è successo a uno dei suoi amici più cari, Amirhossein Ghassemi. “Non riesco a parlare di lui al passato – ha detto alla Ctv News canadese – Penso che tornerà qui. Che parleremo ancora. È troppo difficile usare il passato, troppo difficile. Non ci si può credere”.

Storie di uomini e donne alla ricerca di un futuro migliore, ma senza tagliare i legami con il proprio Paese, con le famiglie e gli amici. Tornare significava poter celebrare il matrimonio o festeggiare la tradizionale Shab-e Yalda il 21 dicembre, la notte più lunga dell’anno, che in Iran è un tradizionale momento di condivisione.

Sono 210mila i cittadini di origine iraniana che vivono in Canada e moltissimi tra loro hanno scelto il Paese nordamericano per specializzazioni e dottorati post laurea ma anche per le possibilità di lavoro e carriera accademica. Ma tra Canada e Iran, a causa delle sanzioni, non ci sono voli diretti. E la Ukraine International Airlines che volava da Teheran a Toronto via Kiev era compagnia molto utilizzata su quella rotta da studenti e ricercatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malta, l’avvocato Robert Abela è il nuovo premier: sostituisce Muscat coinvolto nell’inchiesta sull’omicidio di Caruana Galizia

next
Articolo Successivo

Francia, la protesta degli avvocati nei Tribunali: gettano le toghe a terra contro la riforma di Macron

next