La “non piena conformità” era stata ammessa dalla stessa Autostrade lo scorso 23 aprile con una nota inviata alle autorità. Centocinque gallerie lunghe più di 500 metri che, a distanza di 13 anni dall’adozione del decreto legislativo che imponeva di adeguarle alle norme europee antincendio, ancora non lo erano pur mancando appena 7 giorni alla scadenza del termine stabilito dalla legge. Per questo, il 6 novembre, il Consiglio superiore dei lavori pubblici ha inviato alla concessionaria e ai ministeri delle Infrastrutture e dell’Interno, il parere della Commissione permanente per le gallerie che rispondeva ‘picche’ alle “misure compensative transitorie” proposte dalla società in attesa di metterle totalmente in sicurezza, diffidandola a “mettere immediatamente” in ordine la situazione e prescrivendo diverse limitazioni e precauzioni.

Le sanzioni soft – Nelle 9 pagine di cui è composto il documento, si scopre innanzitutto che Autostrade ha chiesto tempo – fino al 2022 – per raggiungere i livelli minimi di sicurezza. E viene spiegato nel dettaglio quali tasselli mancano ancora nelle gallerie. Non solo: il documento riporta anche i rischi economici per la concessionaria per il mancato adeguamento. Una cifra irrisoria a fronte dei bilanci miliardi della società: una sanzione amministrativa che può variare dai 50 ai 150mila euro. Di certo infinitamente minore al costo dei lavori ancora da sostenere.

Tutte i requisiti mancanti – Dalla stessa documentazione di Autostrade emerge come in tutte le gallerie – che, va detto, non presentano problemi strutturalistatici – manchino i requisiti di drenaggio, stazioni di emergenza ed erogazione idrica, presente solo nella galleria Tarvisio. In 6 casi mancano una “geometria della galleria”, in altre 32 “vie di fuga ed uscite di emergenza”, in 44 requisiti di “illuminazione” e in 34 i “sistemi di comunicazione”, mentre in 7 gallerie sono assenti l’alimentazione elettrica, i circuiti elettrici e la “resistenza e reazione al fuoco” degli impianti e dei loro componenti.

“Garantire livelli minimi di sicurezza” – Un elenco di fronte al quale la Commissione “ritiene di dover prescrivere misure di prevenzione integrative” e “idonee alla effettiva riduzione di situazioni critiche” che “potrebbero mettere in pericolo la vita umana” in caso di incidenti e incendi così da “garantire un livello minimo di sicurezza agli utenti delle gallerie”. E nel frattempo, si legge nel documento, la stessa Commissione avvisa Autostrade di procedere ai lavori “con ogni urgenza del caso” e “senza ulteriori indugi”. Anche perché – annota – essendone il gestore non può sottrarsi agli obblighi “lamentandone la presunta esosità” poiché “la sicurezza è un valore che non ammette condizioni e va garantita a prescindere”.

Le limitazioni imposte – Quindi la lista degli interventi per mitigare i rischi: tra cui limitazione della circolazione, un progetto di percorso alternativo per le merci pericolose, la sorveglianza da remoto delle gallerie 24 ore al giorno, un miglioramento della sorveglianza antincendio, estintori portatili disponibili nelle infrastrutture, ponti radio che rendano possibile la ritrasmissione dei messaggi da parte dei mezzi di pronto intervento. Adesso, dice Autostrade, l’adeguamento degli impianti nelle gallerie “è in corso nel 90% dei casi (in alcuni già concluso)”, mentre per il restante 10% “sono in corso le gare d’appalto per l’aggiudicazione dei lavori”. In ogni caso, fuori tempo massimo. Nonostante lo Stato avesse concesso 13 anni per la messa a norma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, anziano invalido picchiato e insultato dai badanti: cinque indagati. Le intercettazioni shock della polizia: “Ma vai a ucciderti”

next
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, i ‘no’ degli uffici tecnici e della Difesa: ma il Comune non torna indietro su Valle Galeria. Oggi la protesta, M5s divisi

next