“Dobbiamo ammazzarci per avere attenzione?”. I lavoratori dell’ex Embraco si sono trovati sotto la Regione Piemonte, a Torino, il giorno dopo la dichiarazione di emergenza lavorativa voluta dal governatore Alberto Cirio. “Siamo entrati nella povertà” lamentano alcuni operai che raccontano di non aver ricevuto lo stipendio di dicembre e la tredicesima. “La politica non sta facendo niente e lo stato di emergenza lavorativa di Cirio è arrivato tardi, qui siamo messi così da tre anni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi d’impresa, la novità del Codice è la prevenzione. Ecco perché si punta a un maggior controllo

next
Articolo Successivo

Lavoro, i dati Istat: tasso di occupazione record al 59,4%, aumentano gli indeterminati. Gli inattivi scendono al minimo storico

next