“Dobbiamo ammazzarci per avere attenzione?”. I lavoratori dell’ex Embraco si sono trovati sotto la Regione Piemonte, a Torino, il giorno dopo la dichiarazione di emergenza lavorativa voluta dal governatore Alberto Cirio. “Siamo entrati nella povertà” lamentano alcuni operai che raccontano di non aver ricevuto lo stipendio di dicembre e la tredicesima. “La politica non sta facendo niente e lo stato di emergenza lavorativa di Cirio è arrivato tardi, qui siamo messi così da tre anni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi d’impresa, la novità del Codice è la prevenzione. Ecco perché si punta a un maggior controllo

next
Articolo Successivo

Lavoro, i dati Istat: tasso di occupazione record al 59,4%, aumentano gli indeterminati. Gli inattivi scendono al minimo storico

next