“Dobbiamo ammazzarci per avere attenzione?”. I lavoratori dell’ex Embraco si sono trovati sotto la Regione Piemonte, a Torino, il giorno dopo la dichiarazione di emergenza lavorativa voluta dal governatore Alberto Cirio. “Siamo entrati nella povertà” lamentano alcuni operai che raccontano di non aver ricevuto lo stipendio di dicembre e la tredicesima. “La politica non sta facendo niente e lo stato di emergenza lavorativa di Cirio è arrivato tardi, qui siamo messi così da tre anni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi d’impresa, la novità del Codice è la prevenzione. Ecco perché si punta a un maggior controllo

next
Articolo Successivo

Lavoro, i dati Istat: tasso di occupazione record al 59,4%, aumentano gli indeterminati. Gli inattivi scendono al minimo storico

next