“Il 2019 è stato l’anno di due grandi conquiste sociali: quota 100 e il reddito di cittadinanza. Ci sono i furbetti? Sì. A me fa piacere che i giornali riportano sempre queste notizie, ma a volte alcuni le hanno riportate come se fossero inchieste loro. Invece sono le inchieste della nostra guardia di finanza, del nostro ispettorato del lavoro”, così Luigi Di Maio in diretta Facebook torna a parlare di uno dei provvedimenti bandiera del Movimento 5 stelle. E aggiunge: “Certo mi fa riflettere il fatto che che ci siano stati giornali che hanno dato più rilievo ai furbetti del reddito che agli arresti di ‘ndrangheta fatti dal pm Gratteri. Che hanno guadagnato una sola prima pagina, su 10 quotidiani nazionali”, commentando anche l’assenza dalle prime pagine della maxi-operazione contro le cosche che ha toccato metà delle Regioni italiane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Prescrizione, la riforma ora è in vigore. Di Maio: “Il governo con la Lega è saltato ad agosto perché non volevano questa legge”

next
Articolo Successivo

Arturo Scotto (Mdp) aggredito a Venezia: “In 8 inneggiavano al duce”. Fico: “Solidarietà, la Repubblica è fondata sull’antifascismo”

next