La chiusura rientra nel “piano di interventi” per la “revisione ventennale di scale mobili e ascensori” e di fatto complica la situazione della linea A della metropolitana di Roma, già alle prese con i lavori a Baldo degli Ubaldi. Da oggi – e probabilmente per tre mesi – resterà off limits la stazione di Cornelia, dove ogni giorno transitano mediamente tra le 13 e le 15mila persone senza contare gli utenti di Baldo degli Ubaldi che in queste settimane si erano riversati sulla vicina fermata.

Per ridurre i disagi, spiega Atac, sarà attivata una linea di bus navetta denominata MA13 che collegherà Cornelia alle vicine stazioni attive della linea A della metropolitana Valle Aurelia – che consente anche la connessione con la ferrovia FL3 – e Cipro.

“Per il proseguimento dei lavori di revisione di scale mobili e ascensori, infatti, la stazione Baldo degli Ubaldi, resta ancora temporaneamente chiusa e il servizio di bus navetta MA13 oltre a collegare la stazione Cornelia a Valle Aurelia proseguirà sino alla stazione Cipro consentendo connessioni con le altre stazioni aperte, la rete ferroviaria e la rete bus della zona Prati”, informa Atac.

Alle proteste dei commercianti della zona – che avevano chiesto al gestore delle rete di spezzettare i lavori evitando la chiusura totale della stazione – si aggiunge la polemica del Pd romano. “Solidarietà ai cittadini del quartiere Aurelio per la chiusura della stazione della metro Cornelia. Dopo Barberini, un altro esempio della disastrosa gestione del trasporto pubblico della giunta grillina”, attacca Stefano Pedica, membro della direzione romana, definendo “vergognoso” che Virginia Raggi “continui a fare spot sul rilancio dell’Atac quando la metropolitana è sull’orlo della paralisi“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valanghe in Alto Adige, il partito degli affari sulla neve non si ferma

next
Articolo Successivo

Trenord, guasto sulla linea: 70 treni cancellati e altri 150 in ritardo. Disagi per i pendolari

next