Per conoscere la decisione dei giudici di Taranto sulla possibilità di utilizzare l’Altoforno 2 dell’ex Ilva bisognerà aspettare. Nel corso dell’udienza odierna al Tribunale del Riesame di Taranto i giudici si sono riservati la decisione e hanno tempo fino al 7 gennaio, a quanto hanno appreso le agenzie di stampa, per depositare il provvedimento.

Il Riesame, in sede di appello, era chiamato ad esprimersi sul ricorso presentato dai legali dell’Ilva in amministrazione straordinaria contro la decisione del giudice Francesco Maccagnano di respingere l’istanza di proroga della facoltà d’uso per l’Altoforno 2 dello stabilimento siderurgico, sequestrato a giugno 2015 nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Alessandro Morricella, operaio di 35 anni ucciso a giugno di quattro anni fa dopo esser stato investito da una fiammata mista a ghisa incandescente. Al di fuori del tribunale, un gruppo di cittadini e attivisti di comitati e movimenti (anche Genitori Tarantini, Piano Taranto, Tamburi combattenti e LiberiAmo Taranto) ha organizzato un sit in. I manifestanti hanno mostrato gli striscioni con le scritte “Ilva is a Killer“, “Basta morire di Ilva”, “Ingredienti dell’acciaio di Taranto: ferro, carbonio e sangue dei tarantini“.

Nel corso dell’udienza, gli avvocati Angelo Loreto e Filippo Dinacci, per conto dei commissari straordinari (presenti in aula), si sono rifatti ai motivi del ricorso e alla memoria integrativa depositata nelle scorse ore. Hanno ribadito che occorre altro tempo per ottemperare alle prescrizioni imposte dal custode giudiziario Barbara Valenzano (tra cui l’automazione del campo di colata) e che altri interventi di messa in sicurezza sono stati già realizzati tanto che nell’area dell’impianto in questi 4 anni e mezzo non si sono verificati più incidenti.

In tal senso, la difesa dei commissari ha sottolineato che è già stato sottoscritto un contratto con la ditta Paul Wurth per 11,5 milioni di euro – un terzo già versati come anticipo – per installare alcune attrezzature (due macchine a tappare e due a forare, e due campionatori di temperatura della ghisa). Il ricorso dinanzi al Tribunale del riesame (Licci presidente, Caroli relatore, Lotito a latere) è anche avverso un’altra disposizione del giudice Maccagnano, quella di ordinare al custode giudiziario di vigilare sul fatto che l’impianto non venisse più utilizzato a partire dal 14 dicembre scorso. Le operazioni di spegnimento sono iniziate e dopo il 7 gennaio (giorno entro il quale i giudici dovranno esprimersi) le modifiche impiantistiche non consentiranno più il normale uso dell’altoforno.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prescrizione, guai a chi la tocca! Tutti contro la riforma Bonafede

next
Articolo Successivo

Banca Etruria, Pier Luigi Boschi e altri 13 ex dirigenti a processo per bancarotta colposa

next