È un abbraccio, tra l’amministratore delegato di Ilva e l’ex direttore generale, che fa capire che sì, è fatta. Ed è in una stanza al primo piano del palazzo di Giustizia di Milano che, alle 11.48, viene firmato un preaccordo per portare avanti la trattativa che deciderà il futuro della acciaieria di Taranto. I protagonisti sono gli stessi che si sono affrontati da avversari a colpi di ricorsi. Da una parte ArcelorMittal – con l’ad Lucia Morselli (a sinistra nella foto)- e dall’altra i commissari di Ilva in amministrazione straordinaria (Francesco Ardito, Alessandro Danovi e Antonio Lupo). Il colpo di scena arriva pochi minuti prima dell’inizio dell’udienza al Tribunale di Milano in cui si doveva discutere il durissimo ricorso cautelare urgente che i commissari hanno presentato a novembre (articolo 700 del Codice di procedura civile) come contromossa all’atto di citazione presentato da Mittal.

L’obiettivo dei commissari – affiancati nella causa civile dalla procura di Milano – era quello di bloccare l’intenzione di Mittal di recedere dal contratto firmato a settembre 2018. Con l’accordo firmato, l’udienza sul ricorso è stata rinviata al 7 febbraio. L’intesa raggiunta riguarda la trattativa per la ristrutturazione del contratto originario di affitto e vendita degli stabilimenti e per l’operazione finanziaria di rilancio del polo siderurgico. La notizia dell’intesa in extremis arriva con le parole di Ferdinando Emanuele legale, di ArcelorMittal: “Abbiamo raggiunto un accordo di base che indica le base per la negoziazione che si svolgerà fino al termine massimo del 31 gennaio con lo scopo di raggiungere un accordo vincolante“. Parole pronunciare in realtà pochi minuti prima dell’incontro in Tribunale e della firma nella sede della Libera associazione forense. Con il documento firmato i protagonisti sono ritornati di corsa nell’aula al terzo piano per aspettare la decisione del giudice Claudio Marangoni che ha concesso sette giorni in più della richiesta (31 gennaio).

I legali dell’ex Ilva e la Procura di Milano avranno invece tempo di depositare le loro memorie di replica fino al 20 gennaio. Gli avvocati del gruppo franco indiano, invece, potranno eventualmente depositare le loro controrepliche entro il 31 gennaio. Inutile chiedere un commento all’ad Morselli che non ha concesso che un sorriso tirato ai cronisti che tentavano di rivolgere le domande. “Abbiamo firmato un preaccordo su cui abbiamo lavorato tutta la notte. È un accordo nell’interesse del Paese, dei creditori e dei lavoratori” dice Alessandro Danovi, commissario straordinario dell’Ilva. “Siamo abbastanza soddisfatti” ha detto invece il direttore generale dell’ex Ilva Claudio Sforza, che poi ha sottolineato che si tratta di un “preaccordo” e che “ora c’è un percorso da fare, ma ci sono elementi per poter lavorare”. Un accordo, quattro pagine, scritto in inglese, che ruota intorno a quattro punti fondamentali su cui si sono espressi già negativamente i sindacati. Ora è corsa contro il tempo per trovare l’intesa definitiva per un dossier delicatissimo: il lavoro di 14mila operai, la salute dei tarantini e l’1% del pil italiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bankitalia, Daniele Franco nominato direttore generale. Piero Cipollone diventa il suo vice

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, tasso di povertà ridotto del 60 o dell’8%? Ecco cosa dicono davvero i numeri dell’Inps

next