“Fabiano mi avrebbe chiesto di festeggiare perché era una battaglia in cui credeva fin dall’inizio. Adesso spero che avvenga qualcosa anche a livello politico e legislativo, perché è il passo che ancora manca”. Con queste parole l’ex compagna di Dj Fabo, Valeria Imbrogino, commenta la sentenza di assoluzione pronunciata oggi dalla prima sezione della Corte d’Assise di Milano nei confronti di Marco Cappato. La lettura del dispositivo è stata accolta da un applauso dei tanti cittadini che hanno partecipato all’udienza. “La politica sta dimostrando di essere completamente ferma su questi temi. Adesso ci aspettiamo dal Parlamento una legge che legalizzi tutte le scelte di fine vita compresa l’eutanasia – racconta Filomena Gallo, avvocato e segretario dell’Ass. Luca Coscioni – il nostro lavoro continuerà fino a quando anche in Italia potremmo essere liberi fino alla fine”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

France Telecom, quando sul lavoro demansionare diventa sinonimo di degradare

next
Articolo Successivo

The Good Lobby Awards, tra i finalisti la Onlus che si occupa di disturbi alimentari: “La nostra sfida? Non far sentire giudicato chi chiede aiuto”

next