“La corte assolve Marco Cappato, il fatto non sussiste”. I giudici di Milano hanno assolto Cappato, imputato per aiuto al suicidio per la morte di Fabiano Antoniani, conosciuto come dj Fabo. Dopo la sentenza, c’è stato l’abbraccio tra l’ex compagna di Antoniani, Valeria Imbrogno, e l’avvocata Filomena Gallo. “Fabiano mi avrebbe chiesto di festeggiare, siamo arrivati alla vittoria per lui: ha sempre combattuto, sono felice. La battaglia continua per tutti gli altri, quando ha iniziato voleva proprio che fosse una battaglia di libertà per tutti e oggi ci è riuscito” ha detto Imbrogno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dj Fabo, Cappato in aula: “Suo diritto morire e mio dovere aiutarlo. Io motivato dalla libertà di autodeterminazione”

next
Articolo Successivo

France Telecom, quando sul lavoro demansionare diventa sinonimo di degradare

next