Giulia De Lellis, la nota influencer che ha scalato le classifiche con il suo libro “Le corna stanno bene su tutto“, offre lavoro. Cerca un fotografo, un videomaker e un grafico: “Ho bisogno di giovani. Che hanno voglia di lavorare tanto quanto me. E di creare e crescere insieme al mio team. Sta per nascere un nuovo progetto. Voglio metterlo su con uno di voi… forse più di uno, mi date una mano? Facciamo questa cosa con serietà. So che ci sono tanti ragazzi con tanto talento… NON VEDO L’ORA DI TROVARVI. Vi aspettiamo via email seguite bene le nostre istruzioni VI PREGO! BENEEEEEE. Spero di trovarvi presto! Grazie per l’attenzione ragazzi, ora la smetto di sembrare un pc. Promesso”. Questo l’annuncio pubblicato su Instagram. E per candidarsi basta una email con nome, cognome, CV e portfolio. Secondo Radio105 sarebbero arrivati alla De Lellis già oltre 4000 cv.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Si può morire per l’albero di Natale: i Vigili del Fuoco lanciano l’allarme. “Spegnete sempre le lucine di notte e prima di uscire”

next
Articolo Successivo

Tekashi 6ix9ine, il rapper che rischiava 47 anni di prigione è stato condannato a due anni: ecco perché

next