Mio padre era così ubriaco che non avrebbe dovuto essere in grado di camminare quando è entrato in casa con una pistola…”, comincia così il racconto choc che Charlize Theron ha fatto in un’intervista ai microfoni della Npr (Nation Public Radio), rivelando per la prima volta che sua madre ha ucciso suo padre sparandogli. È successo nel giugno del 1991, quando lei aveva solo 15 anni e viveva ancora con i genitori nella loro fattoria a Benoni, vicino a Johannesburg, in Sud Africa: suo padre Charles Theron tornò a casa ubriaco per l’ennesima volta, minacciando lei e sua madre Gerda con una pistola e la donna trovò il coraggio di reagire uccidendolo.

L’attrice premio Oscar ha svelato nei dettagli quanto è accaduto in quella terribile notte: “Mia madre ed io eravamo nella mia camera da letto appoggiate alla porta perché lui stava cercando di sfondarla e volevamo impedirgli di entrare. Poi ha fatto un passo indietro e ha cominciato a sparare, tre colpi attraverso la porta, è stato un miracolo che non ci abbia colpite. A quel punto mia madre ha recuperato una pistola che aveva e ha sparato a sua volta… uccidendo l’uomo”, ha detto Charlize senza avere il coraggio di chiamarlo “papà”. Di suo padre non ha infatti un bel ricordo: “E’ sempre stato un alcolista, lo conoscevo solo così, era un uomo molto malato. Vorrei che quanto è successo quella notte non fosse mai avvenuto. Ma è quello che succede spesso quando non si affronta alla radice un problema come quello della dipendenza”.

L’attrice ha spiegato che si è trattato di legittima difesa e che la madre non è mai stata incriminata per quell’atto, sottolineando l’importanza di raccontare la sua storia: “Penso che più parliamo di queste cose, più capiamo di non essere soli. Non mi vergogno di parlarne. Questa violenza familiare, questo tipo di violenza che accade all’interno della famiglia, è qualcosa che condivido con molte persone”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Whatsapp, la chat di gruppo? Nasconde un possibile “messaggio distruttivo”. Ecco come evitarlo

next
Articolo Successivo

Ken Loach tra rider e operai alla Cineteca di Bologna: “Il capitalismo è irriformabile, dobbiamo lottare per un sistema diverso”

next