L’Unione europea come un campo di concentramento, da cui esce correndo un bambino che tiene in mano una bandiera del Regno Unito. Il vignettista Mario Improta, noto come Marione e autore di una campagna di sensibilizzazione voluta dal Campidoglio, è finito al centro delle polemiche per una vignetta sulla Brexit pubblicata su Facebook: il Pd romano l’ha definita “miserabile” e la sindaca della Capitale Virginia Raggi ne ha preso le distanze. Tanto che lui l’ha poi ripubblicata in una versione corretta (senza cancellare quella vecchia), dove l’Ue non è più rappresentata da un campo, ma da un water. Il vignettista, noto per essere sostenitore M5s e una delle voci satiriche del Movimento, ha da poco realizzato gratuitamente venti vignette per la campagna di sensibilizzazione “Proteggi il cuore di Roma“, voluta dalla prima cittadina e diffusa nelle scuole della capitale per illustrare il nuovo regolamento di Polizia urbana.

La vignetta incriminata sulla Brexit e pubblicata pochi giorni dopo il risultato delle elezioni in Gran Bretagna, rappresentava un bambino con i capelli e il viso di Boris Johnson vestito da deportato, che usciva dal cancello di Auschwitz, sormontato dalla scritta “Unione europea” al posto di “Arbeit Macht Frei”. Il Pd romano ha reagito definendo “miserabile” il disegnatore e “vergognosa e offensiva” la rappresentazione della Brexit. Il gruppo dem in Campidoglio ha proseguito affermando che Marione “per farsi un po’ di pubblicità di bassa lega usa l’orrore dell’Olocausto” e “offende milioni di vittime della follia nazi-fascista. Una rappresentazione satirica che colpisce per la sua crudeltà ogni democratico e tutti coloro che hanno combattuto contro le mostruosità delle dittature che hanno generato e teorizzato la Shoah”. Nel comunicato si chiedeva che “la sindaca Raggi” prendesse “le distanze da questo inqualificabile personaggio“, chiedesse “scusa e ritiri la campagna e il materiale diffuso con la firma di questo ignobile suo collaboratore“.

Poco dopo la sindaca Raggi ha risposto alle polemiche dicendo che “quella vignetta non ha nulla a che vedere con l’amministrazione” e sottolineando “che non rappresenta il mio pensiero e contrasta con la mia sensibilità su temi che mi hanno sempre vista impegnata in prima persona. Bisogna fare molta attenzione quando si toccano tematiche come i campi di sterminio e le persecuzioni naziste”. Marione, dopo le parole della Raggi, ha pubblicato una versione modificata. Ora nel fumetto rivisto l’Ue è assimilata ad una latrina sul cui coperchio è scritto “Unione Europea”. Il Regno Unito resta sempre un bimbo che fugge a gambe levate. “Ho modificato la vignetta”, si legge. “Non era corretto identificare l’Unione europea con un campo di concentramento”. Ma la versione originale non è mai stata cancellata dal profilo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Rai, tentata truffa ai danni del presidente Foa: falso Tria chiede soldi all’azienda per mail

next
Articolo Successivo

Le Sardine fanno dialogare le piazze reali con quelle virtuali. Ma traballano sui contenuti

next