Greta Thunberg è la persona dell’anno scelta dal Time. La giovane attivista svedese ha conquistato l’ambita copertina del magazine americano che come ogni dicembre dal 1927 attribuisce alla persona che, nel bene o nel male, ha segnato l’anno che sta per concludersi.

Greta è stata preferita a Donald Trump, alla speaker della Camera Nancy Pelosi, alla ‘talpa’ che ha messo in moto la procedura per l’impeachment contro il presidente e ai manifestanti di Hong Kong. Greta diventa così la più giovane Persona dell’Anno del Time. Proprio oggi l’attivista ha tenuto il suo discorso alla Conferenze dell’Onu sul Clima a Madrid richiamando i politici dei Paesi ricchi a prendere decisioni per frenare i cambiamenti climatici.

Time l’ha scelta perché ha “suonato l’allarme sulla relazione predatrice dell’umanità con l’unica casa che abbiamo e per aver mostrato cosa succede quando una nuova generazione prende la guida”. E ancora: “Perché è riuscita a trasformare vaghe ansie sul futuro del pianeta in un movimento mondiale che chiede un cambiamento globale”. Nella categoria “Guardiani dell’anno” il Time ha scelto i funzionari dello Stato che hanno testimoniato a Capitol Hill nelle audizioni per impeachment di Trump. Bog Iger di Disney è “l’uomo d’affari dell’anno“, mentre la squadra di calcio femminile a stelle e strisce è stata scelta come “atleta dell’anno” e la 31enne cantante e attrice Lizzo è la “entertainer dell’anno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, Johnson va a caccia di voti con la parodia di Love Actually. E Hugh Grant gli risponde

next
Articolo Successivo

Francia, Philippe presenta riforma pensioni: “Non riguarderà i nati prima del 1975”. I sindacati: “Sciopero ancora più duro”

next