“Il Tav è un ecocidio, contribuisce a distruggere a distruggere il pianeta”. È questo il messaggio che il popolo No Tav lancia al governo italiano durante il corteo che si è svolto questo pomeriggio, domenica 8 dicembre, in Val Susa. Qui, circondate dalle montagne innevate, migliaia di persone sono tornate a marciare per ribadire il no all’alta velocità. “Le emissioni di Co2 generate dalla costruzione del Tav non sarebbero recuperabili nemmeno alla fine di questo secolo” raccontano gli attivisti che definiscono l’atteggiamento del governo “alla Ponzio Pilato”. Ad aprire il corteo che si snoda sui luoghi simbolo della resistenza No Tav ci sono i ragazzi di Fridays for Future: “Il governo italiano da un lato esalta le nostre manifestazioni, ma dall’altro promuove le grandi opere come il Tav e il Tap”. Dopo cinque chilometri di cammino, il corteo arriva a Venaus dove nel 2005 sarebbe dovuto sorgere il cantiere Tav poi bloccato dalla popolazione locale: “Oggi ribadiamo la nostra promessa: c’eravamo, ci siamo e ci saremo sempre”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso risarcimento Inps, lo zio delle due orfane di femminicidio: “Le mantengono i nonni, dallo Stato ricevono solo 500 euro al mese”

next
Articolo Successivo

Milano, morta donna coinvolta nell’incidente tra filobus e un camion dei rifiuti dell’Amsa. Atm: “Il nostro mezzo è passato con il rosso”

next