Venticinque militanti No Tav sono stati identificati dagli agenti della Digos e saranno denunciati per inottemperanza all’ordinanza prefettizia che ha istituito una zona rossa intorno al cantiere di Chiomonte. I provvedimenti sono scattati dopo che ieri sera un centinaio di manifestanti No Tav si è diretto nei pressi del cancello del sentiero Gallo Romano che da Giaglione conduce al cantiere Tav di Chiomonte. Arrivati al cancello una trentina di 30 persone hanno lanciato sassi e oltre 40 bombe carta in direzione delle forze dell’ordine che hanno risposto con lacrimogeni. Tra i 24 identificati, dieci verranno anche denunciati per non aver rispettato le prescrizioni del foglio di via obbligatorio disposto dal Questore di Torino e per aver appiccato l’incendio al cancello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferì uomo, uccise la moglie e si suicidò. Inps chiede risarcimento di 124mila euro alle figlie. Mattarella chiama Catalfo: trovare soluzione

next
Articolo Successivo

No Tav, la marcia per ricordare i disordini del 2005: “Quasi 30 anni di lotta, continuiamo a resistere”. Presenti anche i Fridays for Future

next