Venticinque militanti No Tav sono stati identificati dagli agenti della Digos e saranno denunciati per inottemperanza all’ordinanza prefettizia che ha istituito una zona rossa intorno al cantiere di Chiomonte. I provvedimenti sono scattati dopo che ieri sera un centinaio di manifestanti No Tav si è diretto nei pressi del cancello del sentiero Gallo Romano che da Giaglione conduce al cantiere Tav di Chiomonte. Arrivati al cancello una trentina di 30 persone hanno lanciato sassi e oltre 40 bombe carta in direzione delle forze dell’ordine che hanno risposto con lacrimogeni. Tra i 24 identificati, dieci verranno anche denunciati per non aver rispettato le prescrizioni del foglio di via obbligatorio disposto dal Questore di Torino e per aver appiccato l’incendio al cancello

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferì uomo, uccise la moglie e si suicidò. Inps chiede risarcimento di 124mila euro alle figlie. Mattarella chiama Catalfo: trovare soluzione

next
Articolo Successivo

No Tav, la marcia per ricordare i disordini del 2005: “Quasi 30 anni di lotta, continuiamo a resistere”. Presenti anche i Fridays for Future

next