Quando mio padre è morto, Don Mazzi lo ha sostituito. Quando ho forti dolori dico: ‘Io ho Don Antonio’. Sei il mio rifugio. So che ho te e che mi consolerai”. Con queste parole Mara Venier ha salutato don Antonio Mazzi nella puntata di oggi di Domenica In, accogliendo in studio il sacerdote che ha appena compiuto 90 anni. “Tu sei immacolata dentro” le ha replicato lui e la conduttrice ha ironizzato: “Sì, molto dentro…nell’anima“. “Io sono un’eccezione, ovviamente, ma qualsiasi uomo impazzirebbe per Mara. Sfido chiunque a lavorare a lungo con lei senza innamorarsi…”, ha rilanciato don Mazzi.

Poi è stata Mara Venier a spiegare al pubblico il forte legame che li unisce: “Ho perso mio papà da giovane e in lui ho trovato un altro padre“. Dopo un video-messaggio di auguri di Fiorello, don Antonio Mazzi ha ricordato la sua vicenda personale, spiegando anche cosa lo ha spinto a diventare sacerdote: “Ero giovane, avevo perso mio padre a neanche vent’anni ed ero furioso con la vita. Poi l’alluvione del Polesine me l’ha cambiata: vedevo morte e distruzione, cercavo di aiutare i vigili del fuoco che salvavano le persone senza la tecnologia disponibile oggi, rischiavano la vita per quella degli altri”.

“A quel punto capii una cosa: c’erano ragazzi che avevano perso tutto, a cominciare dalla famiglia – ha proseguito a raccontare don Mazzi -. Non avevano più un padre o una madre, quindi decisi di dedicarmi a loro, diventare una figura paterna e aiutarli a crescere: questo mi ha spinto a diventare sacerdote. Mia madre, che sapeva bene che ero una testa calda, diceva sempre: ‘Tu rovinerai la Chiesa’ – ha rivelato il sacerdote -. Ricordo un ragazzino di 12 anni che rideva perché erano morti tutti. Non capivo il motivo, poi ho scoperto che tra i morti c’erano tante persone che abusavano di lui. Da quel momento siamo diventati amici, l’ultima volta lo vidi 15 anni fa, mi riconobbe lui”, ha concluso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domenica In, Roby Facchinetti ringrazia Don Mazzi e si commuove: “Quando mia moglie è stata operata, quando mia figlia stava male…tu ci sei sempre stato”

next
Articolo Successivo

Conto alla rovescia, la gaffe del campione Davide: “Michelle Hunziker? Faceva la cubista”

next