Oltre 10mila clienti di Mercatone Uno che avevano versato oltre 4,5 milioni di euro di acconti per cucine e arredamenti non riceveranno il rimborso né la merce richiesta. La comunicazione è stata data dal curatore del fallimento di Shernon Holding srl, la società che controllava la catena imolese fino a maggio, con una lettera a creditori e consumatori. L’avvocato Marco Angelo Russo, come riferisce la stampa bolognese, ha scritto ai clienti informandoli dello “scioglimento dal contratto per l’acquisto dei beni mobili concluso con Shernon Holding srl”.

Una mossa decisa con l’autorizzazione degli organi della procedura “a sciogliersi dai contratti pendenti con i consumatori”. Adesso per i clienti c’è la possibilità di insinuarsi nel passivo per recuperare le somme versate, anche se, in quanto creditori chirografari, rischiano di avere poca soddisfazione da eventuali rimborsi. Come spiega il presidente degli Avvocati dei consumatori, Domenico Arcuri, al Resto del Carlino, ai clienti non converrebbe seguire il percorso civilistico, quanto “fare un esposto in procura” perché “ci sono casi di persone che hanno versato acconti a pochi giorni dal fallimento, quando l’azienda non poteva non conoscere la situazione di dissesto”.

La crisi patrimoniale, economica e finanziaria che ha colpito la Shernon – spiega il curatore Russo – “non ha consentito alla società poi fallita di approvvigionarsi regolarmente della merce necessaria per evadere gli ordini via via ricevuti sicché, sulla scorta delle risultanze inventariali, è risultato impossibile darvi seguito”. La merce ancora custodita nei punti vendita di Mercatone Uno – che Shernon avrebbe dovuto rilanciare – sarà venduta in due lotti, il 19 dicembre: il primo da 2,2 milioni di euro, il secondo da 1,395 milioni. E per l’acquisto di quel che resta di Mercatone Uno ai nuovi amministratori sono arrivate 14 offerte, ma nessuna riguarda tutti i 55 negozi e i 1.700 dipendenti. Motivo per cui è stata prorogata la cassa integrazione fino a maggio.

Per il fallimento di Shernon Holding srl è indagato l’amministratore delegato Valdero Rigoni: l’accusa del procuratore aggiunto di Milano Riccardo Targetti e del pm Roberto Fontana è di bancarotta fraudolenta. Tre mesi prima del crac, era stata presentata una richiesta di concordato preventivo dopo le istanze di fallimento presentate da alcuni fornitori. Una richiesta dichiarata, però, inammissibile dal Tribunale fallimentare di Milano a causa dell’indebitamento. I giudici, infatti, hanno riscontrato per la Shernon un indebitamento complessivo di 90 milioni di euro maturato in nove mesi, con perdite gestionali fisse di 5-6 milioni al mese, unito “alla totale assenza di credito bancario e di fiducia da parte dei fornitori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, incidente in viale Bezzi tra filobus Atm e un mezzo Amsa: 18 feriti, una donna in coma. Indagini su cause: “È mancata precedenza”

next
Articolo Successivo

Lombardia, valanga travolge tre sci-alpinisti: 2 dispersi. In corso le ricerche sul monte Valletto

next