L’associazione Rousseau che gestisce la piattaforma per la partecipazione online del M5s è intervenuta con una nota ufficiale per rispondere alle polemiche sul versamento di circa 120mila euro, effettuato dal “Comitato eventi nazionali” nel 2018 in favore dell’associazione. Il dato è contenuto nell’ultimo bilancio e, diffuso nelle scorse ore, ha creato molti malumori tra i parlamentari del Movimento che chiedono spiegazioni.

A loro hanno replicato i quattro soci che gestiscono l’associazione: Davide Casaleggio, Massimo Bugani, Pietro Dettori e Enrica Sabatini. I quattro hanno ribadito che l’operazione è stata fatta in “totale trasparenza” e che tutti gli iscritti erano al corrente dell’operazione. “Il bilancio 2018 dell’associazione Rousseau”, si legge, “è stato presentato ai parlamentari il 7 maggio da Davide Casaleggio, insieme ad altri soci. È stato presentato sia il bilancio dettagliato (con specifiche delle entrate e delle uscite per ogni attività svolte) sia le attività in essere ed in programma e tutti i parlamentati presenti hanno potuto fare domande o dare suggerimenti. Tutti i parlamentari sono stati invitati. Il 6 giugno è stato pubblicato su Rousseau, sul blog (scaricabile da tutti) e inviato via mail a tutti gli iscritti il bilancio di Rousseau con tutti i dettagli di entrate e di spesa e con una presentazione esplicativa di 67 pagine in cui vengono descritte nel dettaglio di tutte le attività fatte nel 2018″.

Quindi la nota continua: “Il comitato di Italia 5 stelle 2017 era formato da tre soci: Borrelli, Bugani e Casaleggio che nel 2018 erano i soci anche di Rousseau. A inizio 2018 il comitato è stato chiuso e, come prevedeva lo Statuto, l’avanzo è andato all’Associazione Rousseau. Tutti i donatori sapevano dunque quale sarebbe stata la finalità dei soldi donati e dove sarebbero finite le eccedenze, dato che da quando esiste Rousseau è prassi farlo per ogni comitato del MoVimento 5 Stelle. L’avanzo, come gli altri soldi donati a Rousseau dagli iscritti e dai sostenitori, è stato utilizzato per i servizi offerti dall’Associazione a iscritti e parlamentari del MoVimento 5 Stelle, per esempio le parlamentarie del 2018 e le spese legali per i vari processi in corso per difenderci dai nemici del MoVimento. Il bilancio 2018 è stato chiuso in pareggio. Invitiamo i giornalisti a spulciare i bilanci appena vengono pubblicati e ad analizzare anche le uscite, oltre che le entrate”, si legge nella nota.

E i quattro soci dell’associazione concludono: “Rousseau continuerà a operare in totale trasparenza. Chiediamo agli iscritti del Movimento 5 stelle pieno supporto per difenderci dalle falsità e dalle illazioni. Per i dubbi siamo a disposizione di tutti, dal primo all’ultimo degli iscritti. Per la malafede non siamo attrezzati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, l’intervento di Lucarelli sul palco per Bonaccini: “Siamo gente che aiuta. Non ci piace vedere le persone che stanno male”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, un elettore su quattro voterebbe le Sardine. La Lega è sotto il 30%: persi 6 punti in 5 mesi. Boom Fdi, i renziani sotto il 4%

next