La storica edicola alle Zattere a Venezia, sradicata dal vento e dall’alta marea dopo il maltempo che nelle scorse settimane si è abbattuto sulla città, è stata ritrovata e recuperata dai Vigili del fuoco. L’acqua aveva trascinato il gazebo sul fondo del Canale della Giudecca.

All’operazione, finanziata interamente dal Comune, oltre al nucleo subacqueo dei pompieri, hanno partecipato anche la Capitaneria di porto, per delimitare l’area, Actv, l’azienda comunale dei trasporti, e Alilaguna. Le attività di recupero sono state effettuate con una gru posizionata su una piattaforma di 36 metri per 10, sotto il coordinamento degli uffici tecnici comunali. “L’edicola di Walter Mutti – commenta il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro – è diventata uno dei simboli della drammaticità di quella terribile notte del 12 novembre”.

Immagini Twitter/Comune di Venezia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lampedusa, dentro l’hotspot che va a pezzi tra rifiuti e sovraffollamento: “Condizioni disumane”

next
Articolo Successivo

Cosenza, “torturavano disabile e pubblicavano i video su Instagram”: un arresto e tre denunce

next