Come sto? Ho un po’ di problemi, la settimana prossima mi tolgono il gesso, poi spero di recuperare in poco, anche se ci vorrà tempo. Sono cose lunghe e fastidiose. Per fortuna a essersi rotto c’è il braccio sinistro, mi sono reso conto di quante cose non si possono fare senza un braccio”. A dirlo è Piero Angela che, ai microfoni de I Lunatici, ha parlato per la prima volta dell’incidente che gli è capitato qualche tempo fa, quando è caduto in casa rompendosi il braccio sinistro e procurandosi contusioni a spalla, polso e avambraccio.

Il popolare divulgatore scientifico è in ripresa e ha voluto rassicurare tutti i fan sulle sue condizioni di salute, spiegando che tra qualche giorno toglierà il gesso e poi inizierà la riabilitazione: “Ora, per esempio, dormo su una poltrona. Da quando mi sono rotto il braccio la notte non riesco ad alzarmi, ho comprato una di quelle poltrone reclinabili che si allungano e diventano un letto. Funziona bene”.

Il prossimo 22 dicembre spegnerà 91 candeline, ma Piero Angela dice di sentirsi in buona forma: “Speriamo bene, qui non si sa mai, ma credo di aver superato tutti gli ostacoli – ha scherzato – . La testa funziona. Mia sorella ha 92 anni e sta perfettamente, non ha nessun problema. Spero che la genetica sia quella, che ci aiuti. Quando si perde anche solo di poco la capacità di capire o di ragionare è terribile. Il mio lavoro mi porta a scrivere, leggere, parlare. Devo sempre far di compito, sia scritto che orale – ha aggiunto – . C’è sempre questa tensione, ci si mantiene in allenamento”.

Data l’età, però, Piero Angela non nasconde di rivolgere, di tanto in tanto, un pensiero alla morte: “Da quando ho compiuto 90 anni me lo chiedono. La morte è una grande scocciatura. È una mancanza di vita – ha detto a Rai Radio1 – . Noi moriamo ogni notte quando ci addormentiamo. La sofferenza, soprattutto fisica, ma anche psicologica, è la cosa che può turbare. Ognuno di noi si augura una buona morte. Penso sempre a un detto di Leonardo, ‘così come una buona giornata porta a un buon dormire, così una vita spesa bene porta a un buon morire’. Lui si è spento con questa visione. Una filosofia pacificante”, ha concluso Piero Angela.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Adriano Celentano riceve il Tapiro di Striscia la Notizia per il flop di Adrian e commenta: “Non sono più un maestro”

next
Articolo Successivo

Emilio Fede, la moglie Diana contro Silvio Berlusconi: “È un ingrato, non vuole avere grane, pensa solo per sé”

next