Sono almeno 58 i migranti morti nel naufragio di un barcone nell’oceano Atlantico, davanti alle coste della Mauritania. Altre 83 persone sono riuscite e salvarsi nuotando verso riva. È quanto è stato reso noto dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), impegnata al momento a collaborare con le autorità mauritane “nel portare i primi soccorsi ed assistenza medica ai migranti sopravvissuti”. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, il barcone con a bordo circa 150 persone, tra cui donne e bambini, era partito dal Gambia lo scorso 27 novembre. Quando, però, si è trovato davanti alla Mauritania il barcone, a corto di carburante, si è ribaltato. Il bilancio delle vittime è uno tra i più alti registrati quest’anno.

“Le autorità della Mauritania stanno coordinando in modo molto efficiente i soccorsi con le agenzie presenti attualmente a Nouadhibou”, aveva precisato Laura Lungarotti, responsabile dell’Oim, poco dopo il naufragio. I feriti, di cui non si conosce ancora il numero, sono stati portati nell’ospedale di Nouadhibou. Per il momento le autorità del Gambia non hanno commentato la tragedia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pearl Harbour, marinaio americano uccide due civili e poi si suicida sparandosi alla testa

next
Articolo Successivo

Francia, sciopero contro riforma pensioni. Sindacato: “1 milione e mezzo di persone in piazza”. Black bloc a Parigi: incendi e scontri

next