È il 3 agosto del 2011 quando la 20enne genovese Martina Rossi precipita dal sesto piano di un hotel a Palma di Maiorca, mentre si trova in vacanza con due amiche. Scivola nel tentativo di scavalcare da un terrazzino a un altro e inizialmente la polizia spagnola sembra intenzionata ad archiviare il caso come un suicidio. Una versione a cui i genitori però non credono. La stanza dalla quale fugge è quella di due ragazzi di Arezzo, i quali nel 2018 vengono condannati in primo grado per tentata violenza sessuale di gruppo e morte come conseguenza di altro reato. Tre anni per ognuno dei due delitti, mentre la tagliola della prescrizione era già caduta sull’omissione di soccorso. “Martina infatti non muore sul colpo – spiega suo papà Bruno a Ilfatto.it – Sono le 6.45 del mattino quando precipita in una vasca e, per 40 minuti, nessuno scende a prestarle soccorso”.
A seguito della sentenza di primo grado, gli avvocati difensori di Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, i due ragazzi dai quali Martina, secondo l’accusa, tentava di scappare, presentano appello e lo scorso 28 novembre il reato di “morte come causa di altro reato” finisce in prescrizione. Resta in piedi solo l’accusa di “tentata violenza sessuale di gruppo”, che ha termini di prescrizione più lunghi, ma se la violenza sessuale di gruppo fosse derubricata a violenza sessuale “semplice”, come sembra fare presupporre la linea difensiva di uno dei due imputati, anch’essa cadrebbe in prescrizione.
“Quella di mia figlia è anche la storia di un processo estenuante – racconta al Fatto.it il papà Bruno – c’è la questione dei tempi lunghissimi della giustizia ma anche della prescrizione. Non è possibile che un giudice condanni a pene che poi non possono essere eseguite e che un dibattimento si fermi anche dopo una condanna in primo grado”. Per Franca Murialdo e Bruno, i genitori di Martina, il dibattito di questi giorni sulla riforma della prescrizione è un passo nella direzione giusta: “Perché non ci sia più un altra mamma e un altro papà obbligati a condurre una battaglia devastante come quella che da quasi nove anni stiamo portando avanti per avere un po’ di giustizia per Martina, perché chi si rende protagonista di reati così gravi come la violenza sessuale e la morte di una persona non possa ‘giocare’ a mandare tutto in prescrizione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, la solidarietà automatica per ora è una promessa: “Con Salvini effettivamente ricollocato il 44%, con Lamorgese il 46%”

next
Articolo Successivo

Como, fermato con un assegno da 100 milioni di euro un 56enne già condannato per narcotraffico

next