Mariela Magallanes e Americo De Grazia stanno arrivando in Italia. I due parlamentari dell’opposizione venezuelana, che si erano rifugiati nella residenza dell’ambasciata d’Italia a maggio, dopo che il Tribunale supremo di giustizia (Tsj) venezuelano aveva disposto la revoca della loro immunità, atterreranno a Roma insieme a Pier Ferdinando Casini, presidente onorario dell’Unione interparlamentare. “Finalmente in volo da Caracas verso Roma con i colleghi Mariela Magallanes e Americo De Grazia, costretti dal maggio scorso a vivere nell’Ambasciata italiana. Sono grato di aver dato un contributo ad una giusta causa umanitaria. Ringrazio la Farnesina e l’Incaricato d’Affari Placido Vigo”, ha scritto Casini su Twitter. I due, detentori di passaporto italiano, sono stati trasferiti all’aeroporto internazionale di Maiquetia dall’incaricato d’affari a Caracas, Placido Vigo.

Durante la sua permanenza questa settimana in Venezuela, Casini ha avuto contatti a 360 gradi sulla crisi esistente con esponenti sia del governo (il presidente Nicolas Maduro e il ministro degli Esteri Jorge Arreaza), sia con l’opposizione radicale (il presidente del Parlamento riconosciuto presidente ad interim da una cinquantina di Paesi, Juan Guaidò), sia inoltre con quella moderata che ha aperto un Tavolo negoziale con le autorità venezuelane.

Il presidente onorario dell’Unione interparlamentare ha inoltre incontrato a più riprese (a Caracas e Maracaibo) la comunità italiana residente, prestando molta attenzione alle difficoltà di coloro che dispongono di risorse ridotte. Infine, oltre che della sorte di Magallanes e De Grazia, Casini si è interessato molto anche al caso di Juan Antonio Planchart, che è parente di Guaidò e che è stato arrestato il 24 marzo 2019 per essere rinchiuso nel carcere ‘Helicoide’ dei servizi di intelligence venezuelani Sebin. Planchart, a cui è stata diagnosticata una forma tumorale al collo, potrebbe essere trasferito per cure mediche in Italia in un prossimo futuro. Una ipotesi, si è appreso, che il presidente Maduro sta valutando.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Aja, la polizia olandese ha fermato un sospetto: ha 35 anni ed è senza fissa dimora

next
Articolo Successivo

Spagna, approvato il decreto che permette al governo di interrompere internet: “Con la scusa della Catalogna si restringono le libertà”

next