“Penso che sia andata benissimo e credo si siano superate le diecimila persone. Siamo qui affinché un giorno non si dica che i tempi erano oscuri perché noi abbiamo taciuto. Non si tratta di manifestare solo contro Salvini, è un clima globale quello dell’odio, dell’indifferenza e della xenofobia. Dobbiamo fare in modo che questo mondo vada in un’altra direzione. Le sardine non devono essere inscatolate da nessuno e non devono essere messe in nessuna rete. La classe politica è del tutto inadeguata, bisogna cambiare”. Così Bruno Martirani, uno degli organizzatori della manifestazione napoletana delle sardine, durante il flash mob a piazza Dante a Napoli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: è la quinta volta che si vota. E il sindaco invita a non presentarsi alle urne

prev
Articolo Successivo

Mes, Fontana (Lega) a L’Intervista di Maria Latella: “Richiamo del Quirinale sarebbe dovuto”

next