Se il controllo della velocità effettuato dalle pattuglie con autovelox mobili avviene su un tratto dove è presente una cartellonistica di avvertimento fissa, la suddetta pattuglia non è obbligata a esporre segnaletica mobile aggiuntiva che segnali il rilevamento della velocità in corso.

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione che con la sentenza 30207/19, depositata il 20 novembre, respingendo la richiesta di annullamento di una sanzione di un automobilista del Cagliaritano: le forze dell’ordine che avevano registrato la sua infrazione, infatti, non aveva esposto alcun cartello che evidenziasse il controllo effettuato con apparecchiatura mobile.

In merito, i giudici hanno confermato come sia “sufficiente la segnalazione della postazione di controllo della velocità eseguita mediante segnaletica fissa”. Dal “Palazzaccio” tengono a precisare che “nessuna disposizione impone che la postazione mobile di rilevamento della velocità debba obbligatoriamente essere preannunciata dall’apposizione di cartelli mobili”.

Ciò perché “la funzione di avviso dell’utenza circa la possibilità di subire un accertamento della velocità di marcia mediante apparecchiature elettroniche su un determinato tratto di strada è infatti adeguatamente assicurata da qualsiasi cartello di avviso, indipendentemente dalla sua natura (fissa o mobile), e senza che rilevi in alcun modo il tipo di postazione di controllo (permanente o temporanea)”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Auto, in Italia sono tante e vecchie. E la mobilità condivisa non cresce abbastanza

prev
Articolo Successivo

Auto, quella di proprietà è ancora importante. Ma in futuro lo sarà sempre meno

next