Se il controllo della velocità effettuato dalle pattuglie con autovelox mobili avviene su un tratto dove è presente una cartellonistica di avvertimento fissa, la suddetta pattuglia non è obbligata a esporre segnaletica mobile aggiuntiva che segnali il rilevamento della velocità in corso.

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione che con la sentenza 30207/19, depositata il 20 novembre, respingendo la richiesta di annullamento di una sanzione di un automobilista del Cagliaritano: le forze dell’ordine che avevano registrato la sua infrazione, infatti, non aveva esposto alcun cartello che evidenziasse il controllo effettuato con apparecchiatura mobile.

In merito, i giudici hanno confermato come sia “sufficiente la segnalazione della postazione di controllo della velocità eseguita mediante segnaletica fissa”. Dal “Palazzaccio” tengono a precisare che “nessuna disposizione impone che la postazione mobile di rilevamento della velocità debba obbligatoriamente essere preannunciata dall’apposizione di cartelli mobili”.

Ciò perché “la funzione di avviso dell’utenza circa la possibilità di subire un accertamento della velocità di marcia mediante apparecchiature elettroniche su un determinato tratto di strada è infatti adeguatamente assicurata da qualsiasi cartello di avviso, indipendentemente dalla sua natura (fissa o mobile), e senza che rilevi in alcun modo il tipo di postazione di controllo (permanente o temporanea)”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto, in Italia sono tante e vecchie. E la mobilità condivisa non cresce abbastanza

next
Articolo Successivo

Auto, quella di proprietà è ancora importante. Ma in futuro lo sarà sempre meno

next